Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

venerdì 23 marzo 2018

Recensione "Tutto per te" di Laura Gay

Ciao Rumors. Oggi Louise ci parlerà del nuovo romanzo di Laura Gay, uscito ieri, intitolato Tutto per te edito Newton Compton.
Titolo: Tutto per te
Autore: Laura Gay
Editore: Newton Compton
Genere: Contemporary romance
eBook  € 0,99
Amazon

Il giorno del matrimonio di una sua amica, Fiamma finisce a letto con Massimo, un affascinante agente letterario. Nessuno dei due vuole iniziare una storia, le loro vite prendono perciò strade diverse, finché Fiamma non si presenta nel suo ufficio per comunicargli che è incinta. All’inizio Massimo la prende male, chi gli assicura che quel figlio sia suo? Ma poi, riflettendoci, pensa di poter sfruttare la situazione a proprio favore: suo zio da tempo lo assilla perché si sposi. Massimo allora propone a Fiamma un accordo: lui la sposerà, ma si tratterà di un matrimonio di facciata. Lei accetta e così i due partono alla volta dell’Inghilterra, per raggiungere la famiglia di Massimo. Quello che Fiamma non sa è che la famiglia di Massimo ha origini aristocratiche ed è tutt’altro che ben disposta ad accoglierla come sua moglie…



Il segreto è mai giudicare dalle apparenze, a volte ingannano....

Lei è Fiamma Franciosi, occhi verdi-azzurri, labbra carnose, capelli color biondo miele che ricadono in morbide onde su di un seno prorompente, che accompagna un fisico mozzafiato. Cameriera in un bar di Genova, la giovane Fiamma, altro non cercava che un attimo di svago, di sano divertimento, poiché tutti i matrimoni le mettevano una certa malinconia, soprattutto quello della sua migliore amica Eva, che di lì a poco si sarebbe trasferita nel Regno Unito. Anche lei l' avrebbe lasciata sola, SOLA...ormai era abituata alla solitudine. Fin da piccola, veniva completamente trascurata dai suoi genitori, i quali si dimenticavano persino di andarla a prendere a scuola. Lei si era costruita addosso una corazza, ed ogni volta che si sentiva ferita o umiliata, attaccava con le sole armi a sua disposizione: la consapevolezza di possedere un bel corpo e la certezza che ogni uomo avrebbe fatto carte false per averlo.

“ Se c' era una cosa che aveva imparato dalla vita, era che le apparenze contavano più di qualsiasi altra cosa: mai permettere al prossimo di leggerti dentro o ti avrebbe ridotto in brandelli.”

 Ecco perchè quell' attimo di godimento le aveva completamente cambiato la vita, modificando i suoi piani di un futuro precario...
Quell' attimo era rappresentato da lui: Massimo Corradi, agente letterario di Milano. Alto, spalle larghe, bicipiti muscolosi, capelli corvini e occhi del color del cioccolato fuso. I due incontratisi per caso lì a quel matrimonio, non resistettero all' attrazione che provarono l' uno per l' altra. Massimo, incarnava per Fiamma, l' immagine perfetta del suo ideale dio del sesso: peccaminoso, eccitante, estremamente sensuale, il quale non sembrava avere l' aria dell' agente letterario o di un intellettuale, ma di qualcosa di più.

Per Corradi, la giovane barista genovese, altro non era che una meravigliosa creatura, la quale aveva attirato la sua attenzione dal primo momento in cui il suo sguardo si era posato su di lei, ma senza l' idea di nessun progetto a lungo termine tanto meno nessun futuro insieme. Ecco perchè quella “bomba” lanciata inaspettatamente da Fiamma, lo aveva lasciato un attimo interdetto e quasi arrabbiato. Quella notizia, in un altro contesto, l' avrebbe reso l' uomo più felice al mondo, ma nella sua situazione sembrava più un macigno che tentava di spingerlo in un fondale profondo e oscuro. Sì, perchè l' idea che la bellissima Fiamma mirasse alle sue ricchezze, utilizzando certi mezzi, lo rendeva furioso e frustrato. Anche se una soluzione pareva esistere, una “finta unione” che avrebbe permesso di far ottenere ad entrambi agevolazioni gratificanti senza impegno. Massimo, poteva finalmente zittire la propria famiglia, ma soprattutto sua zio Edward, undicesimo conte De La Warr, e dar a loro ciò che avevano sempre sperato di ottenere: una moglie che prima o poi avrebbe partorito un erede per la casata. Fiamma invece, considerata da tutti una ragazza promiscua, poteva finalmente crearsi una famiglia, anche se di facciata, ed avere una solidità economica. Sembrava un ottimo accordo, poiché entrambi ricevevano dei benefit semplicemente in cambio di un SI' reciproco...ma scordando che il cuore era il vero protagonista principale di quell' accordo.

“Evidentemente il suo sposo aveva preso sul serio il loro accordo: nessun legame o impegno. Erano liberi di frequentare chiunque desiderassero. Eppure, chissà perchè, Fiamma sentì un dolore al petto che quasi le tolse il respiro, nel vederlo ridere e divertirsi in compagnia di quella donna elegante e sofisticata, diversa anni luce da lei.”

Fiamma sapeva che era un rischio, e che senz' altro avrebbe perso, però volle affrontare ugualmente quel passo, serbando in cuor suo, una speranza di riuscita, flebile ma sempre presente. La sua più grande paura, era quella di essere messa da parte. Dopotutto, finora non era riuscita a far durare una sola relazione sentimentale: con lei gli uomini si divertivano ma passavano oltre dopo aver ottenuto quello che volevano.

“Lei ricacciò indietro una lacrima. Si era sentita ferita dalla scarsa considerazione che lui aveva avuto nei suoi confronti. Eppure, avrebbe dovuto esserci abituata.”
Per la prima volta, Fiamma, si sentiva parte di una famiglia, e piano un' emozione difficile da spiegare a parole prese ad invaderle il cuore: era un misto di dolcezza e senso di protezione che le era venuto a mancare per tutta la vita, ma che aveva desiderato sempre profondamente.
Quell' uomo riusciva a neutralizzare le sue difese. Come diavolo faceva? Si sentiva impotente davanti a lui, priva di qualsiasi forza di volontà. Solo lei conosceva la vera natura di Massimo, sapeva come si trasformava nei momenti di intimità, e quel pensiero la legò indissolubilmente a lui, come una pesante catena che li avrebbe UNITI IN ETERNO...

“ Stavolta lei non riuscì a trattenere una risatina. Sapeva che le parole appena pronunciate da Massimo erano dettate dalla lussuria e non avevano alcun fondo di verità, eppure aveva provato una sensazione molto simile alla felicità quando le aveva ascoltate. «Farei tutto per te.»
« TUTTO PER TE...»”

Massimo, orfano di madre insieme a sua sorella Bianca, subirono entrambi l' abbandono da parte del loro padre, il quale aveva preferito rimanere in giro per il mondo piuttosto che amare e curare i suoi figli. La giovane sorella, ormai diciottenne, venne allevata nel Sassex dallo zio Edward, mentre lui decise di intraprendere il suo sogno fin da bambino: vivere tra i suoi amati libri. Pur senza l' appoggio di suo zio, Massimo iniziò questo cammino letterario, in cui le relazioni occasionali con il gentil sesso, l' aiutavano a nascondere le sue paure, celando fragilità interne senza però renderlo veramente felice.
Chi mai si aspettava che quella “finta unione”, potesse trasformarlo tanto da renderlo quasi irriconoscibile anche ai suoi occhi...?

“ Non era per zio Edward e neppure per il bambino. Lui voleva quella donna al suo fianco. L' aveva voluta fin dal primo momento in cui aveva posato gli occhi su di lei.”

Sua moglie era seducente e dal fascino selvaggio, capace soprattutto di mandargli in tilt il cervello. Lui aveva costantemente fame di lei... ed ogni giorno questo bisogno aumentava a dismisura.


“«Sei mia, solo mia», le disse staccandosi da lei per lanciarle uno sguardo di fuoco. Gli occhi si incontrarono e si incatenarono. «Dillo Fiamma. Voglio sentirtelo dire». […] Lei inspirò alla ricerca di ossigeno. Come poteva parlare se aveva le labbra secche e il fiato corto? Eppure desiderava la sua bocca lì, proprio dove si era posata un istante prima. Era più di un mero desiderio. Era una necessità. «Sono tua, Massimo».

Il destino aveva riservato loro altri piani, soprattutto spinto dal cugino di Massimo, Carl, il quale ambiva al titolo di conte De La Warr, dando origine così ad un vero e proprio piano malevolo e doloroso per smontare quel matrimonio che tanto invidiava, stroncando così il loro nascente amore...

“«Ho sempre saputo che eri un' irresponsabile. Non so cosa mi sia passato per la testa quando ho deciso di sposarti». Quelle parole riecheggiarono nella stanza come un tuono che squarcia le nuvole. Fiamma sentì di nuovo le lacrime pungerle gli occhi e stavolta non riuscì a ricacciarle indietro.”

Fiamma non era abituata ad appoggiarsi a nessuno nei momenti di difficoltà, ed una parte di lei rifiutava l' aiuto di Massimo, eppure sentiva l' incessante bisogno della sua presenza, come se il marito fosse l' unica medicina al mondo in grado di guarirla da quel sordo dolore, da quella immane perdita che solo chi è donna può comprendere...
Lei, che si ritrova catapultata in una realtà completamente differente dalla sua semplice vita, tra aristocrazia e buone maniere, in cui i sussulti di derisione per le sue umili origini riecheggiavano all' interno di ogni stanza ogni qualvolta vi era la sua presenza. Pareva che il suo destino fosse all' insegna di dolore e sofferenza, e che tutto questo non avesse fine nella sua vita...

“ Fiamma si portò una mano al cuore. Fu un gesto inconsapevole, dovuto probabilmente al dolore che in quel momento sentiva nel petto, come se qualcosa si stesse squarciando dentro di lei.”

Poteva l' Amore andarsene di soppiatto così come era arrivato? Quei dubbi, causa di inganni e accuse, verranno estirpati dalla mente di Massimo, affinché affiori la verità ma soprattutto quel sentimento di fiducia nei confronti della sua amata Fiamma...?

Questo è un romanzo ricco di colpi di scena esaltanti. Ho amato ogni singola scena dei loro incontri amorosi, delle loro diatribe, delle loro provocazioni e di quel cercare di resistersi a vicenda. Mi si è mozzato il fiato in quelle situazioni particolarmente toccanti e dolorose, fatte di solitudine, perdita e senso di sofferenza. Quanto è vero, ahimè, che anche nella nostra vita reale lo stato sociale di una persona o il suo aspetto estetico può trarci in inganno, creando quella patina superficiale che alcune volte non siamo in grado di grattar via! E' meravigliosamente bello invece, vedere come la semplicità possa stare di fianco all' aristocrazia senza preconcetti, ma solo basandosi sullo star bene e l' essere l' uno parte integrante dell' altra.
Un libro che fa riflettere ed insegna, che cattura l' attenzione del lettore poiché non c' è niente di scontato in esso! 
PS (Cara Laura Gay, aspetto un gran finale per la giovane Bianca Corradi!!!)

Augurandovi una buona lettura, vi saluto Rumors!
 Louise


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...