Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

giovedì 23 febbraio 2017

Recensione: "Guarda dentro me" di Carmen Bruni

Ciao Rumors! Oggi la nostra Tiziana ci parlerà in anteprima del nuovo romanzo di Carmen Bruni targato Fabbri Editori, Guarda dentro mesecondo capitolo della serie, Rainbow of love. In uscita oggi. La serie contiene tutti libri auto conclusivi.
Titolo: Guarda dentro me 
Serie: Rainbow of love
Autrice: Carmen Bruni
Editore: Fabbri Editori
Genere: Contemporary Romance
Prezzo e-book: € 6,99
Prezzo cartaceo: € 16,90
Data di pubblicazione: 23 febbraio 2017
Amazon

Quando Annabelle cammina per strada non passa di certo inosservata. È abituata agli sguardi degli uomini, e persino delle donne, perché è bella da togliere il respiro. Peccato che ovunque vada crei scompiglio, come nella casa di Giorgia e del fratello Carlo, di cui diventa la nuova coinquilina.
Convivere con lei infatti, non è per niente facile, anzi può rivelarsi davvero snervante: è indisponente, distaccata e si trincera sempre dietro una corazza gelida e impenetrabile, in cui sentimenti ed emozioni non possono filtrare. E questo tutto a causa del suo difficile passato.
Ma anche Carlo, gran latin lover, all'apparenza solare e disponibile, ha i suoi lati oscuri e alle spalle brutte esperienze che lo hanno ferito nel profondo.
Tra i due si scatena subito un'attrazione fisica sconvolgente. E giorno dopo giorno, inizierà a nascere qualcosa di più, qualcosa di imprevisto per entrambi. Ammetterlo significherebbe per loro venire meno alle loro convinzioni, ma non potranno comunque evitare di dar vita a un duello d'amore, fatto di stoccate maliziose, affondi audaci e fendenti letali...
Quanti colpi dovranno schivare prima di rendersi conto che, quando c'è di mezzo il cuore, non si tratta di vincere o perdere, bensì di sopravvivere?


Guarda dentro me è un viaggio itinerante alla scoperta interiore di due anime che si nascondono dietro un muro di bugie. L’itinerario è quel luogo chiamato “libertà”, dove i sentimenti e le emozioni possono sprigionarsi e fluttuare liberamente senza meccanismi razionali, scevri da qualsiasi paura e dolore. Dove l’anima e il corpo ritrovano il calore nelle antiche leggi del “dare e avere”, spogliandosi di ogni incertezza e insicurezza, per riconoscere quei sentimenti reali e incondizionati che sanno riempire gli spazi vuoti e lenire le ferite del cuore.   
Il percorso diventa però più difficile e impervio, se due esseri si ritrovano così tanto simili da non voler cedere nulla all’altro, dove anche la legge del più forte perde di vigore.  Perché in un duello fatto di sguardi penetranti e una attrazione fisica allarmante, non ci sono armi da poter imbracciare, né scudi per proteggersi, semplicemente ci si arrende a quel calore umano nudo e beffardo che sa travolgerti fino a renderti inerme, completamente scoperto e privo di ogni difesa.
 “Di solito sono le donne che si spogliano per me.” “Sono fiera di essere una voce fuori dal coro.” “Solo perché mi sta bene così. Annabelle”

Carlo e Annabelle abitano sotto lo stesso tetto.  Insieme a Giorgia, la sorella di Carlo, sono due coinquilini che si evitano, tanto da sembrare estranei.
Annabelle è una ragazza bellissima, una modella che lascia tutti senza fiato. Ma è anche rigida, fredda e austera. Sembra non le importi di nulla, vive trascinando un corpo meraviglioso come se fosse un dono non gradito. Usa parole taglienti per difendersi e risposte acide per allontanare chiunque si avvicini. Carlo è un play boy incallito, con un corpo muscoloso e un sorriso assassino. Lui è un predatore nato e la sua coinquilina lo affascina, lo stuzzica fino a diventare la sua preda preferita.

“Fui investita subito da quel calore destabilizzante, a cui mi stavo abituando e che mi faceva sentire diversa: non più invincibile e dura come la pietra”



Il duello sembra avere inizio. Uno sguardo intenso, un tocco sfiorato nel palmo della mano e tutto comincia con un volere ma non potere, un dare per poi riprendere.  Carlo e Annabelle sembrano giocare con il fuoco, coscienti di potersi scottare, perché nessuno dei due ha intenzione di cedere. Ambedue hanno un passato che li ha completamente svuotati di ogni sentimento. Sono arsura in mezzo a un mare di volere per paura di dare.
Sono un uomo e una donna che hanno costruito un muro per difendersi da ogni emozione, e da sentimenti effimeri che potrebbero riaccendere vecchi dolori.

“Ero convinto, ed è sempre stato così, che mi sarebbe bastata un’intimità a livello fisico, una cosa superficiale. Solo che un giorno sei arrivata tu e tutto è cambiato. Ho capito al volo che c’era qualcosa di diverso in te. Allora mi son detto perché non provarci? Forse non sei la persona che credi. Ritagliati un’occasione. Magari non causi sofferenza, bensì gioia.”


Ma l’attrazione sessuale li sovrasta e li avvolge in una spirale di sensazioni a cui è difficile rimanere immuni. Non c’è mai un “chi cede per primo”, c’è un “cedere insieme per ritrovarsi” e Carlo questo lo sa bene. Quel calore destabilizzante che sente ogni qualvolta Annabelle si concede, è per lui una panacea dimenticata.
È voglia di affrontare un percorso di vita insieme.
È un dare per ricevere, dove solo la sincerità può aprire un varco per “guardare dentro”, per riconoscere ancora vivi quei sentimenti che fanno palpitare il cuore.
La sincerità porta però a svelare un passato che per Annabelle è stato solo doloroso.
Questo la rende incerta ad affrontare un viaggio intenso dove la paura gioca brutti scherzi, perché è difficile credere che ci sia ancora qualcuno a cui “importi di te” così fino in fondo.
Inesorabilmente alla fine i muri si dovranno abbattere, le armi si dovranno deporre per concedersi un po’ di più, alla ricerca di quella fiducia che porta a vivere liberamente le emozioni.  
Decidere se combattere per difendersi, o concedersi per sopravvivere, sarà per loro la scelta più importante della vita.

“Avevo paura che tutto ciò mi si ritorcesse contro. Ma l’amore ha sempre più coraggio della paura. Corrode, sbriciola, distrugge, finché non trova una via di uscita. È inarrestabile”


Carmen Bruni in Guarda dentro me continua sulla scia di Questione di cuore, con una nuova storia che appassiona e fa battere il cuore.
Un percorso introspettivo in cui l’autrice, da bravo timoniere, ti trasporta con una scrittura fluida e potente verso la conoscenza di un vissuto in cui sarà facile ritrovarsi protagonisti insieme agli attori principali.
Il dettaglio e la cura con cui ha delineato il tratto psicologico dei personaggi è la bellezza e il lustro di questo romanzo. Nulla è lasciato al caso, il ritmo narrante regala al lettore il giusto tempo per godere e immagazzinare frasi, parole ed emozioni che rendono reale la paura, il dolore e la passione dei personaggi.
Carmen Bruni ha saputo affrontare temi come abbandono, dolore e accettazione, con una maturità e una consapevolezza che possono essere solo di chi nella vita sa guardare dentro.
Non ci sono finzioni, ma solo sprazzi di vita vera, con cui questa autrice sa raccontare delle storie che sanno di vissuto, per trascinarti alla fine, come un assetato, a volerne ancora di più. Non ci sono epiloghi che tengano, alla fine vorresti ancora un’ultima dose delle sue parole per saziarti di quelle emozioni che solo lei sa come farti provare.

Tiziana

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...