Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

martedì 8 novembre 2016

Recensione: " La grande fuga" di Susan Elizabeth Phillips

Ciao Rumors! Oggi la nostra Giusy ci parlerà sdi un romanzo targato Leggeditore, il  settimo volume della serie  Wynette Texas di Susan Elizabeth Phillips"La grande fuga"  uscito da pochi giorni  in tutti gli store online e in libreria.
Titolo: La grande fuga
Autore: Susan Elizabeth Phillips
Genere: Contemporary romance
Editore: Leggereditore
Serie: Wynette Texas
Data d'uscita: 27/10/2016
Prezzo: Ebook € 6,99 - Cop. Rigida € 12,67

La madre di Lucy Jorik è tra le donne più famose al mondo. Per questo Lucy è abituata a tenere un comportamento che non metta mai in imbarazzo la sua famiglia... Almeno fino al giorno in cui la combina davvero grossa. Invece di dire “sì” all'uomo più perfetto che abbia mai conosciuto, fugge dall'altare e salta in sella a una moto sgangherata guidata da uno sconosciuto dall'aspetto rude che non potrebbe essere più estraneo alla sua esistenza privilegiata. Nella casa di lui, su un’isola dei Grandi Laghi lontana anni luce dagli agi della sua vita precedente, Lucy spera di trovare una nuova direzione e di scoprire i segreti di quell'uomo che non rivela niente di sé ma che, ne è certa, nasconde qualcosa di profondo e doloroso. Quello che sicuramente scoprirà, mentre le calde giornate estive si susseguono fra brezze profumate e tempeste improvvise, sarà una passione che potrebbe cambiare la sua vita per sempre...

Eccomi qua… per la prima volta recensisco la mia autrice preferita.
E ci tengo a dire che sono orgogliosa dei miei gusti, ho una conferma ogni volta che leggo ciò che questa donna scrive.
Ricordate com'è iniziato il meraviglioso precedente libro “UNA SCELTA IMPOSSIBILE”?
Lucy Jorik, la figlia perfetta dell’ex presidente degli Stati Uniti, ha osato lasciare per la prima volta in vita sua proprio il giorno del suo matrimonio,  lì su due piedi, il suo futuro e immacolato marito all'altare. In tutte noi, la grande Signora della narrativa femminile Susan Elizabeth Phillips, ha lasciato la curiosità di sapere che fine avesse fatto quella ragazza tanto per bene che ha deciso di scandalizzare tutti ribellandosi il giorno del suo matrimonio.

E UDITE UDITE, con chi è scappata la ragazza che tutti elogiavano per l’immacolata perfezione?
Con un abito a dir poco discutibile,  è salita in sella con un bel motociclista, rude, dai lunghi capelli, che come motto sulla sua moto rumorosa, ha scritto una frase che non rischia fraintendimenti:

PIENO, FUMO O LETTO. LA CORSA SI PAGA.

La disperazione, la vergogna e il bisogno di ritrovarsi in pace con se stessa, fa sì che Lucy, accetti quel passaggio con tutte le conseguenze che comporta. E lei sa che delle conseguenze ci saranno eccome…
«Perché mi hai fatto salire sulla moto?»
«Volevo scopare.»
Si sentì accapponare la pelle. Cercò un segnale che le facesse capire che quello era solo il grezzo tentativo di fare una battuta, ma lui non sorrise. Del resto era amico di Ted e, per quanto alcuni di loro fossero strani, lui non le aveva mai presentato un criminale. «Non dirai sul serio» disse.
Il motociclista posò gli occhi su di lei. «Potrebbe succedere.»
«No che non potrebbe!»
Lui ruttò. Non forte, ma fu comunque disgustoso. «Ultimamente ho avuto troppo da fare per trovarmi una donna. È ora di recuperare il tempo perduto.»
Lei lo fissò. «Facendo montare sulla tua moto la sposa del tuo amico mentre scappa dal suo matrimonio?»
Lui si grattò il petto. «Non si può mai sapere. Le donne pazze sono disposte a tutto.»

È questo non rende neanche l’idea. Panda, come lui si fa chiamare, è una sorpresa continua. Tutto quello che c’è in questo libro è una continua rivelazione.
La SEP, come sappiamo, ha una spiccata capacità di saper creare personaggi unici nel suo genere. Le sue storie sono così piene e ricche di contenuti che hai bisogno di rileggerle più e più volte.
In questa storia, uno dei messaggi che viene riportato dall'autrice è molto importante. Stiamo parlando dell’apparenza, con cui tutti combattiamo un po’ da sempre.  E non solo…
Partiamo con la ribellione di una ragazza di cui ci si aspetta la totale perfezione e finiamo con la più bella imperfezione che ognuno di noi ha e avrà durante il cammino della vita: La famiglia.
Non voglio fare nessuno spoiler e credo che non aggiungerò nemmeno un altro estratto, perché la SEP va letta e goduta senza precedenti.



Quello che posso dire è, in primis diffidate dalla sinossi: non rende minimamente l’idea della storia. Leggendo ad ogni capitolo le rivelazioni, le decisioni, gli atteggiamenti e la crescita dei personaggi mi hanno in parte emozionata e in parte infastidita. Emozionata, perché  in ogni pagina c’era qualcosa di imprevedibile e quindi è stato una dono vero e proprio che l’autrice ha fatto ai suoi lettori di continuo. Infastidita, perché non volevo che i personaggi subissero una crescita da capitolo in capitolo, non riuscendomi a staccare dalle pagine, è come se mi stessero strappando una parte di me che avevo appena ritrovato. Non so se rendo l’idea… Sentivo la mancanza già dal capitolo finito e mi sentivo responsabile della loro vita, in quanto la sentivo un po’ anche mia, anche nelle più totali mediocrità.
Le emozioni in tutte le sue sfumature, le problematiche di una famiglia comune sono le stesse di una famiglia ricca e famosa, l’amore  vero dei genitori è immutabile e intramontabile agli occhi della materialità, il dolore di un passato pesante non fa particolarità umana, la sofferenza di ciò che non hai mai fatto è la condanna della felicità e la rivelazione di se stessi è la risposta. Per non parlare del silenzio soffocante che ti porta a vergognarti di essere te stessa per non essere giudicata dalla società. O dell’amore vero, quello mai conosciuto che si presenta all'improvviso e ti fa andare nel pallone, anche facendoti sbagliare. L’altruismo, il sacrificio di saper mettere al primo posto il bene degli altri, la forza di aiutare il prossimo a non fare gli errori che ti hanno portato ad essere infelice oggi, il sogno infranto da bambina, la gioia di cavartela da sola, l’orgoglio di essere finalmente realizzata. Il dolore e poi la pace. La redenzione. L’amore e la felicità. Questo è quello che ho letto. Questo è quello che la SEP scrive.
Non sono semplici storie d’amore. Sono EMOZIONI: AMORE, PACE E DOLORE.
Tutte in un'unica corsa. Tutte verità scritte in un semplice romanzo, da cui ogni tanto dobbiamo prendere esempio per migliorare la nostra vita vera. Tutti messaggi che meritano di avere un posto d’onore in quel piccolo mondo che noi amiamo immensamente e di cui certe volte, per le più banali motivazioni, trattiamo con troppa leggerezza.
 Penso, che a prescindere di chi sia il romanzo, il nome o la fama, ogni tanto tutte noi dovremmo rendere la realtà un piccolo e indimenticabile best-seller, perché lo so io, lo sai tu, lo sappiamo tutti che la vita è una sola ed è nostro compito renderla INDIMENTICABILE, nel bene e nel male, proprio come questo libro. 

2 commenti:

Paoletta Maizza ha detto...

Eccezionale recensione, si capisce subito che il romanzo è da leggere assolutamente. Mi piacerebbe un giorno ricevere una recensione così appassionata per i miei lavori...chssà...alla prossima

Giusy Cu ha detto...

Grazie mille. Ad ogni modo, mai dire mai. 😉😉😉

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...