Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

sabato 11 giugno 2016

Recensione in esclusiva "Le Barriere dell'Anima" di Giovanna Mazzilli

Buongiorno Rumors. Finalmente presentiamo anche Alessandra Cigalino che da oggi entra a far parte della famiglia del Rumore. Per la sua prima recensione, parlerà in anteprima, ed esclusiva, del terzo libro  della serie di Giovanna Mazzilli. Dopo Le barriere della passione e Le barriere della passione – La voce di Alejandro, Giovanna torna con l'attesissimo Le barriere dell'anima in uscita domani 12 Giugno.
Titolo: Le Barriere dell'Anima
Autrice: Giovanna Mazzilli
Editore: Self Publishing
Genere: Contemporary Romance
Uscita il 12 Giugno 2016
Amazon

Sergio fa il medico, è un bell’uomo, ha quasi quarant’anni e mente ogni giorno a se stesso, affermando di non volere legami. Passa da una donna all’altra, usandole e non curandosi dei loro sentimenti. Ha solo una regola: evitare di superare i tre incontri in camera da letto. Emma è un’infermiera, ha trent’anni e, da quando ha incontrato Sergio durante un turno di notte in ospedale, non ha fatto altro che pensare a lui. Quando si rincontrano, anche lei cade nella spirale dell’affascinante medico. Ma qualcosa dentro di lui è cambiato. Emma è riuscita a scuotere l’anima di Sergio, toccando punti lontani e scavalcando delle barriere che nessuno aveva mai varcato. Riuscirà a far cedere il bel dottore e a fargli ammettere che l’amore è una realtà e non solo una fantasia? Dopo “Le barriere della passione”, ritroviamo Sergio, il fratello maggiore di Amelia. La sua storia, le sue debolezze e la consapevolezza che, con la persona giusta, le barriere dell’anima si possono infrangere, riuscendo finalmente ad amare.

Ciao Rumors! Questa è la mia primissima recensione sul Blog e, quando mi è stato proposto di leggere in anteprima il libro di Giovanna Mazzilli, ho accettato ad occhi chiusi, in quanto conoscevo lo stile fluido di questa autrice.
E non mi sono affatto sbagliata!
Dopo aver letto “Le barriere della passione”, di cui trovate la Recensione qui: Qui, e “Le barriere della passione – La voce di Alejandro”, di cui trovate la recensione qui: Qui, Giovanna ci racconta la storia di Sergio, il fratello di Amelia, che abbiamo incontrato nei volumi precedenti.
Sergio è un cardiochirurgo, il cui nome in campo medico è notevolmente famoso, grazie al suo alto grado di professionalità. Lavora presso una clinica, dove può gestire al meglio gli appuntamenti con i suoi adorati pazienti. È un uomo bello e affascinante che si sta avvicinando ai quarant’anni con una velocità tale da quasi spaventarlo. Dopo aver visto sbocciare l’amore negli occhi di sua sorella, arriva al punto di provare, per un breve istante, addirittura invidia per lei.
“Ho bisogno di dimenticare. Allontanare i ricordi di una felicità che non avrò mai.”
Nonostante la sua bellezza, Sergio, a causa del suo cinismo e della sua avversione verso l’amore, non crede possibile di poter mai provare un sentimento così forte per una donna, tanto da imporsi regole ben precise. I suoi incontri con un soggetto femminile non superano mai le tre volte e non dorme mai con nessuna di loro. 

“Perché so già che sarà l’ultima volta che farò sesso con lei? Lo so, perché ho deciso di farlo solo tre volte con ogni donna che frequento. Tre incontri sessuali dove mi diverto per bene, per poi passare a quella successiva.”
Sergio cura al meglio il cuore dei suoi pazienti, ma ci sarà qualcuno che riuscirà a “curare” il suo? Ecco che in clinica arriva una nuova infermiera, ma tanto nuova per lui non è. Si tratta di Emma, una conoscenza fatta in ospedale, durante la degenza della sorella Amelia. Pur essendo stato un incontro veloce e fugace, l’intensità di ciò che accadde tra di loro, anche a distanza di tempo, riaffiora al solo contatto dei loro sguardi. Sguardi che Sergio incolla in ogni istante delle giornate successive su di lei.
“Sfrutto quest’attimo per osservarla meglio. Ha i capelli sciolti e riesco a vedere tutte le sfumature presenti nella sua chioma.”
“Quando mi passa di fianco, le sue iridi si posano sul mio viso e una parola si tatua nella mia mente: intense.”
Da quel momento in poi, Sergio cambia. Inizia a pensarla costantemente, sentendosi diverso a tal punto da arrabbiarsi con se stesso per il cambiamento che avverte dentro di sé. Ma il desiderio di stare con Emma non gli permette di prendere decisioni con estrema lucidità.
“Ho sempre tenuto la mia vita privata lontana dall’ambito lavorativo, ma questa volta non ce la faccio.”
Nonostante tentino di stare alla larga l’uno dall’altra, i loro corpi decidono di agire al loro posto. L’elettricità che scorre tra di loro è talmente intensa da doverla assecondare. Inizialmente, desiderano che le cose tra di loro non abbiano vincoli di alcun tipo, bensì preferiscono assecondare solo i desideri che nascono senza preavviso. 
“Ma per quale assurdo motivo mi comporto così con lei? Ho paura di parlare, mi terrorizzano le sensazioni che mi fa provare…”
Si cercano e si desiderano a tal punto da innescare in Sergio l’esigenza di infrangere le sue regole con Emma. Ma quando il cuore inizia a impartire le direttive, ecco che i dubbi iniziano ad assillare la mente di entrambi.

“Lei vorrebbe un amore intenso, uno di quelli capaci di disintegrare le pareti di plexiglass che ricoprono l’anima? Bé, lo vorrei anch’io, solo che non sono molto convinto di riuscire ad amare […] non è nelle mie capacità.”
L’intera storia viene narrata da Sergio, tranne “una parte” dell’Epilogo in cui parla Emma, ma, tra colpi di scena inaspettati, allontanamenti “forzati” e attimi di romanticismo che fanno vibrare l’anima del lettore, si arriva al finale che ogni inguaribile romantica (come me) attende sempre.
Ora… non amo fare troppo spoiler, in quanto, a parer mio, il lettore deve assaporare le emozioni riga dopo riga. E, credetemi, Giovanna riesce a trasmettere il desiderio di arrivare in fretta all’epilogo, con una facilità impressionante. Il suo stile narrativo permette al lettore di entrare a far parte della storia, riuscendo ad amare non solo i protagonisti, ma anche i personaggi secondari. Nonostante, si sa, io non ami troppo le “scene hot” molto dettagliate, quest’autrice lascia in me sempre una gioia immensa a fine lettura, in quanto il trionfo dei sentimenti, di quelli in grado di abbattere anche le barriere più potenti dell’anima, è sempre presente in ogni storia.
Mi permetto lasciare un ultimo breve estratto che mi ha colpito particolarmente, ma prima desidero darvi un consiglio: continuate a leggere anche DOPO l’Epilogo, mi raccomando, perché c’è una sorpresina, un “assaggio”, che vi indurrà a contattare l’autrice per chiederle: “Quando? Quando?” 

“Ecco, Emma è tutto questo. È quel sole che spunta tra le nuvole, durante un temporale. È quel soffio di aria fresca in una sera d’estate. È un colore primario che non si può ricreare con nessuna combinazione di altre tonalità.”

5 commenti:

Giovanna Mazzilli ha detto...

Grazie mille per questa fantastica recensione!
Il mio Sergio aspetta tutte le lettrici su Amazon :)

stefania mognato ha detto...

Benvenuta Alessandra e grazie per la splendida recensione che hai donato a questo gruppo rumoroso ahahahah

Alessandra Cigalino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Alessandra Cigalino ha detto...

Grazie di cuore a te per le meravigliose emozioni che la tua storia mi ha donato! Le lettrici adoreranno Sergio!!! *_*

Alessandra Cigalino ha detto...

Grazie di cuore a te Stefania per le bellissime parole! Sono felicissima di poter far parte di questo meraviglioso Blog!!! *_*

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...