Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

giovedì 17 marzo 2016

Recensione "Nessun Pentimento" di Kylie Scott

Ciao Rumors! Eccoci a parlare del tanto atteso terzo libro della serie The Lick Series della nostra amata Kylie Scott. Fabiana Andreozzi ci parlerò di Nessun Pentimento e della coppia Jimmy e Lena.
Titolo: Nessun Pentimento
Autore: Kylie Scott
Serie: The Lick Series #3
Editore: Newton Compton
Data: 17 Marzo 2016

Voce del gruppo rock Stage Dive, Jimmy è abituato a ottenere quello che vuole quando vuole. Dopo avere combinato l’ultimo dei suoi numerosi disastri, che mettono continuamente a rischio l’immagine del gruppo, Jimmy si ritrova a vedersela con Lena, una nuova assistente che ha il compito di tenerlo fuori dai guai. E Lena non è certo disposta a farsi umiliare dal suo capo, per quanto lui sia molto sexy. È determinata a fare un ottimo lavoro, nonostante la chimica tra loro sia una distrazione continua. Jimmy però non perde occasione per darle filo da torcere. E quando esagera, Lena non ha altra scelta che andarsene. Solo allora il musicista si rende conto che potrebbe perdere la cosa migliore che gli sia mai capitata…

Ho aspettato questo libro per mesi, o meglio, non vi nascondo che a chiusura del secondo io ero più curiosa di tuffarmi nella storia di Ben, ma mi è toccato Jimmy e Lena.
Mi sono tuffata anche in questo terzo volume piena di grandi aspettative perché i primi due della serie mi avevano travolta, stregata e affascinata. Ero convinta di partite in quarta anche con Jimmy, convinta che la magia della Scott mi conquistasse fin dalle prime righe e invece non è stato così.  All’inizio ho parecchio arrancato e sono andata molto, molto lenta perché fin dalle prime pagine la storia appare ben diversa dai ritmi a cui siamo abituate. È tutto più lento, più riflessivo, più complesso e complicato perché il cantante del gruppo è una figura tormentata e piena di problemi.
Quindi all’inizio il suo carattere un po’ scontroso e monosillabico non è entrato subito in sintonia con me, soprattutto dopo essere uscita a fatica dall’eccitante frenesia di Mal che con il suo carattere rompe gli argini e ti travolge.

Ora anche se il terzo volume non ha riscosso il mio entusiasmo, forse perché la mia fantasia immaginava molto di più e molto diverso, voglio spezzare una lancia a favore della Scott e dei suoi romanzi. È vero, a una lettura la sua mano si riconosce, perché soprattutto le donne per quanto vogliono essere diverse parlano un po’ tutte allo stesso modo, ma con l’universo maschile è stata veramente brava così come è stata brava a dare accenti diversi ai tre romanzi che scardinano qualsiasi aspettativa.
Il primo ricorda un po’ il film una notte da leoni per i casini a Las Vegas che sono obnubilati nei fumi dell’alcol, il secondo è stato un crescendo di adrenalina verbale e sensuale, il terzo rallenta per dare spazio a un vissuto più profondo dei personaggi… e ora mi aspetto che con il quarto si voli verso vette altissime, mi aspetto i fuochi d’artificio.
Tornando a Jimmy e al suo romanzo, diciamo che l’inizio me l’aspettavo così, in fondo negli altri romanzi questa era l’idea che ci aveva dato del personaggio e non mi dava fastidio che fosse così, adoro il bel tenebroso e taciturno, anche se alla lunga poi diventa difficile far interagire i personaggi e trovare uno sbocco alla storia per farla decollare. Ecco, diciamo che la Scott da questo impasse è uscita, permettendo alla trama di diventare più godile, spassosa e a tratti leggera, ha camminato sul filo del rasoio perché trasformare un personaggio ricco di tormenti in uno che si lascia andare è complesso. Quindi Jimmy dall’uomo di ghiaccio si trasforma in tutt’altro, sono cattiva e non vi svelo cosa.
Vi giuro che a tratti mi fa ridere perché lui ce l’ha messa tutta per essere serio ed efficace ma i suoi consigli non vanno proprio nella direzione immaginata.
In alcune occasioni, comunque ho percepito una forzatura di comportamento di Jimmy e in altri un porre l’accento proprio per rimarcare le sue caratteristiche psicologiche.
Il personaggio più bello stavolta è proprio Lena, è grazie a lei che i muri di Jimmy si infrangono e comincia a mettersi in gioco. Grazie a lei e alla sua onestà, al suo coraggio di ammettere i suoi sentimenti senza paura e senza vergogna. Ho amato ogni sua parola e ogni suo gesto e a mio avviso è il mio miglior personaggio femminile della Scott, quello anche più credibile a livello emozionale.
Dopo una parte centrale che mi aveva rapita grazie proprio all’atteggiamento di Lena, la fine mi ha di nuovo precipitato verso il baratro. Okay, sognante nei modi, ma troppo affrettata e a mio avviso servivano ben altre pagine e per altre azioni per portare Jimmy all’illuminazione definitiva. Mi sento come se mancasse ancora qualche altro pezzo a completare questo loro amore che poi viene buttato di nuovo nell’epilogo corale con tutti gli personaggi del gruppo.
Lo so, pretendo troppo ma ne volevo ancora di più, Jimmy e Lena lo meritavano!!
Comunque l’epilogo mi ha di nuovo fomentato per la storia di Ben e ora fremo ancora di più per leggerla. Quanto caspita manca? Sono così in fibrillazione che potrei correre a leggerla in inglese ahahaha
Buona lettura a tutti,

Fabiana 

2 commenti:

lilia63 ha detto...

Peccato che oggi mi sia morta la caldaia ed ho avuto molto da fare. Mi ero ripromessa di buttarmi su questa storia, accantonando quello che sto leggendo. Dopo la tua recensione sono obbligata a cenare di corsa e tuffarmici....sono troppo curiosa....mi piacciono i tipi tormentati!

Lidia ha detto...

Ti rifarai. Fammi sapere cosa ne pensi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...