Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

martedì 16 febbraio 2016

Recensione "L’amore di Sarah" di Sandy Raven

Buonasera. Stasera la nostra Fabiana Andreozzi, ci parla di uno storico uscito poco tempo fa. L'amore di Sarah di Sandy Raven
Titolo: L'amore di Sarah
Autore: Sandy Raven
Editore: Self Publishing
Traduttore: F.rossi
Genere: Romance storico

Trama: Cercava l'avventura e scappava dal suo destino
Lady Sarah Halden si imbarca come clandestina sulla nave sbagliata, pensando di partecipare a una corsa con suo fratello. Invece, si ritrova in compagnia del socio di Lucky, Ian Ross-Mackeever, erede del conte Mackeever. Sarah trova affascinante il rude capitano e lo desidera in modi in cui non aveva mai voluto un uomo prima. Con l'aiuto di un osceno libercolo pieno d'immagini erotiche, Sarah decide di sedurlo. A metà della corsa, invece di tornare a casa con lui, Lucky costringe Sarah a sposare Ian.
Ian Ross-Mackeever non crede nella famiglia. Il suo stesso padre l'ha mandato via quando era un ragazzo, a vivere in un'altra nazione con un nonno che lo disprezza e delle zie che non sanno cosa fare di lui. Viene mandato subito a scuola, dove fa amicizia con Lucky Gualtiero, un giovane la cui famiglia è tutto il contrario di quella di Ian. Dopo un inizio burrascoso, quando la scopre clandestina sulla sua nave, Ian si riscalda alla presenza di Sarah nella sua vita durante il viaggio verso casa da New York. Il suo senso dell'avventura e l'amore incrollabile che Sarah prova nei confronti della sua famiglia forzano Ian ad abbracciare i suoi affetti e le possibilità di un futuro con lei al suo fianco. Sarah mostra a Ian che scappare dal proprio destino è più difficile che accettarlo, e che ogni giorno passato a non onorare e amare coloro che ti amano è un giorno sprecato.

Ho avuto il piacere di leggere in anteprima questo romance storico quasi casualmente e ho deciso di raccontarvi le mie impressioni a caldo perché mi sono lasciata travolgere e appassionare da questa storia letta in pochissimo tempo.

Ho un amore sconsiderato per le storie in costume, anche se non è così facile e scontato che mi piacciano perché molte non sanno trascinarti in un secolo passato senza farti avvertire lo stridore di una narrazione attuale. Questa autrice Texana e self mi ha piacevolmente stupito a cominciare dalla cura e dal dettaglio di certe situazioni descritte che richiedevano uno studio ben preciso. Quindi tanto di cappello perché si vede che il romanzo, oltre a raccontarci la storia d’amore tra i due protagonisti, tiene in considerazione anche la credibilità e la veridicità di certe situazioni descritte. Complimenti anche alla traduttrice perché, da semplice lettrice, mi rendo conto che alcuni punti tecnici hanno richiesto sicuramente un lavoro di grande attenzione.
Mi sono talmente appassionata a questo romanzo e all’autrice che ora bramo di leggere, quanto prima, il nuovo romanzo dedicato a un altro personaggio della famiglia che già in questo libro se mi è messo in luce fino a incuriosirmi. È sì, per chi non conosce questa autrice, il romanzo, che ho letto, è il terzo della serie. Una saga che narra le gesta della famiglia di Caversham. L’amore di Sarah è preceduto da:
·         Miss Amelia accalappia un duca (Le cronache dei Caversham, il prequel gratuito)
·         La sposa di Caversham (Le cronache dei Caversham, libro 1)
·         Già sua (Le cronache dei Caversham, libro 2)
·         L’amore di Sarah (Le cronache dei Caversham, libro 3)
·         La signora di Lucky (Le cronache dei Caversham, libro 4)
Nonostante fosse il terzo, e fossi a digiuna dei precedenti, ho compreso perfettamente la trama e le parentele perché ogni libro comunque è autoconclusivo e relativo alla coppia. Alla fine vi resterà sicuramente la mia stessa curiosità di andare a scoprire cos’è successo nei capitoli precedenti agli altri protagonisti di questa particolare famiglia. Perché di tanto in tanto troverete degli accenni che al lettore curioso e attento non sfuggono e vi capiterà di volare con la fantasia. Pertanto se siete appassionati di romance storico, non lasciatevi scappare questa autrice che sa mescolare bene il fascino di un passato ormai andato, la passione mai volgare tra due amanti e mai fastidiosa e inopportuna, e una storia avventurosa. Come potete leggere dalla trama, Sarah non è la solita damina che pensa a doti, balli e mariti, ama l’avventura e, nonostante il danno che potrebbe ricavarne la sua reputazione, decide di imbarcarsi. Poi il destino le rema contro o forse diciamo che la aiuta non poco facendole sbagliare nave. 
La protagonista non si tira indietro alle difficoltà e, sfrontata e decisa, tesse la sua trama per prendersi ciò che vuole e far cedere Ian che, fin da subito, nonostante i modi sicuri e il cipiglio severo, è creta nelle mani di Sarah e deve tenerla a distanza per non impazzire. Non che questo tenerla a distanza gli riesca tanto bene confinato su una nave. La storia si legge tutta d’un fiato, si passa dall’avventura in nave, alla passione, all’amore, alla dramma, alla riscoperta e rinascita. Non manca nulla in questo romanzo, anzi a un certo punto ammetto pure che l’autrice è stata pure troppo cattivella e mi ha fatto versare qualche lacrimuccia, ma tutto poi si risolve nel migliore dei modi, con un mega lieto fine assicurato.
Dicendolo, il suo sguardo vagò, completamente contro la sua volontà, su per quelle due gambe d'alabastro che era sicuro portassero in paradiso. Erano nude da metà fin giù alle delicate dita dei piedi. Aveva anche delle belle gambe proporzionate. Ginocchia, polpacci, caviglie e piedi erano tutti delicati, femminili e sinuosi. Era la tentazione incarnata e ogni sua parte, anche la più piccola, era perfettamente proporzionata per la passione.
Dio lo aiutasse, la desiderava.
Lucky l'avrebbe ucciso; dopo, naturalmente, che suo fratello, il duca, l'avesse ucciso per primo.
Doveva andarsene, ora, o la crescente protuberanza che si ritrovava nei calzoni avrebbe tradito la sua brama di lei. Se avesse agito di conseguenza, sarebbe morto due volte.


Vi lascio con la bio di Sandy Raven che neanche a farlo a posta ha origini italiane.
Di una famiglia di origini italiane, Sandy è cresciuta sulla costa del Golfo del Texas, con la sabbia tra le dita e i capelli costantemente crespi, ed è questo il motivo per cui ora vive nel mezzo del nulla in Virginia, in un posto con un'umidità minima o moderata (per dei ricci perfetti e non crespi), colline ondeggianti e boschi coltivati.
La sua casa è una vecchia fattoria ristrutturata, che condivide con il suo marito eroe, ai piedi delle Blue Ridge Mountains, dove ha avuto più gatti, cani e cavalli di quanti voglia ammettere. La sua seconda passione, dopo la scrittura, sono i suoi animali: pratica l'equitazione naturale, e ama cavalcare i suoi Tennessee Walkers scalzi sui sentieri e nei boschi intorno alla sua casa.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...