Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

lunedì 8 febbraio 2016

Anteprima "RoomHate" di Penelope Ward

Ciao Rumors! Oggi vi presento in anteprima assoluta, il nuovo romanzo di Penelope Ward in uscita in America il 15 Febbraio 2016. Grazie all'autrice e a TRSOR Promotions, abbiamo avuto l'opportunità di avere la sinossi e un piccolo estratto del libro RoomHate. Noi del Rumore siamo sempre in attesa che qualche casa editrice italiana si accorga di questa bravissima autrice. Ringrazio Vanessa Ceschin per la traduzione.
New York Times Bestselling Author, Penelope Ward, comes a new standalone novel.
roomhate.jpg


Titolo: RoomHate
Autrice: Penelope Ward
Genere: Contemporary Romance
Condividere una casa estiva con un coinquilino eccitante da morire dovrebbe essere un sogno che si avvera, giusto? Ma non quando è Justin…l’unica persona che abbia mai amato.. e che adesso mi odia. Quando mia nonna morì e mi lasciò metà della casa nell’isola di Aquidneck, c’era un tranello: l’altra metà sarebbe andata al ragazzo che aveva aiutato a crescere. Lo stesso ragazzo che si era trasformato nell’adolescente a cui avevo spezzato il cuore anni fa. Quello stesso adolescente che adesso è un uomo con fisico mozzafiato ed una personalità inflessibile. Non lo avevo visto per anni, e adesso siamo costretti a vivere insieme perché nessuno di noi vuole rinunciare alla casa. La parte peggiore? Non è venuto da solo. Avrei presto realizzato che esiste una linea sottile tra odio e amore. Lo potevo vedere attraverso quel sorrisetto compiaciuto. Aldilà di tutto….quel ragazzo è ancora li. E cosi anche il nostro legame. Il problema è che…adesso che non posso avere Justin, non l’ho mai desiderato così tanto.
From New York Times Bestselling Author, Penelope Ward, comes a new standalone novel.
Sinossi Originale
Sharing a summer house with a hot-as-hell roommate should be a dream come true, right?
Not when it’s Justin…the only person I’d ever loved…who now hates me.
When my grandmother died and left me half of the house on Aquidneck Island, there was a catch: the other half would go to the boy she helped raise.
The same boy who turned into the teenager whose heart I broke years ago.
The same teenager who’s now a man with a hard body and a hardass personality to match.
I hadn’t seen him in years, and now we’re living together because neither one of us is willing to give up the house.
The worst part? He didn’t come alone.
I’d soon realize there’s a thin line between love and hate. I could see through that smug smile. Beneath it all…the boy is still there. So is our connection.
The problem is…now that I can’t have Justin, I’ve never wanted him more.

Author's note – RoomHate is a full-length standalone novel. Due to strong language and sexual content, this book is not intended for readers under the age of 18.




Lasciatemi solo dire…
Suonare la chitarra non era il solo talento che aveva sviluppato pienamente nel corso del tempo...
Estratto

Sembrava come se il mio cuore stesse per schizzarmi fuori dal petto. Guardare svolgersi l’intera cosa mi aveva fatto perdere completamente il senso della realtà. Mi sentivo come se avessi vissuto ogni momento, ogni sensazione proprio insieme a lui, eccetto che non mi era stato permesso di venire. Era come se avessi seriamente perso la mia mente mentre avveniva. Questa era la sola cosa che poteva in qualche modo spiegare perché il mio corpo avesse deciso di tradirmi, tirando fuori un involontario sospiro…gemito? Non ero sicura e non avrei potuto neanche dire cosa fosse eccetto che qualunque suono avessi fatto aveva fatto sobbalzare Justin. La sua testa si era voltata verso di me, e i suoi occhi scioccati avevano incontrato i miei per un breve secondo prima che corressi via giù per le scale.
Umiliata.
Mortificata.
Avevo il cuore in gola. Fuggendo fuori dalla porta principale e giù fino all’acqua, continuai a correre senza meta sulla sabbia. Ad un certo punto, circa un miglio lungo la spiaggia, mi dovetti fermare per prendere il respiro, sebbene volessi continuare a correre. Ero stata cosi avvolta da Justin che mi ero scordata di quanto fossi stata male questo pomeriggio. Era come se mi colpisse tutto ancora una volta nel momento in cui mi gettai sulla riva e vomitai nell’oceano.
Collassai sulla sabbia e dovetti restare li per più di un’ora. Il sole stava iniziando a calare e la marea a salire. Era come se tutto si stesse chiudendo intorno di me. Sapevo che non avrei potuto evitare di tornare a casa per sempre.
Che cosa sarebbe accaduto se avesse detto a Jade quello che avevo fatto?
Che lo stavo guardando?
Oh Dio
Mi avrebbe crocifisso per questo.
Quale scusa avrei potuto dargli per spiegargli perché mi stavo nascondendo dietro la sua porta, guardandolo mentre eiaculava come se fosse lo spettacolo dei fuochi di artificio del Quattro Luglio?
Decisi che dovevo tornare a casa prima che lo facesse Jade. Forse avrei potuto convincerlo a non dire niente. Scuotendo la sabbia via dalle gambe, mi diressi indietro verso la casa.
Il mio cuore quasi si fermò nel trovare Justin in piedi nella cucina, mentre beveva mezzo gallone di succo di arancia. Rimasi in piedi in silenzio dietro di lui e lo guardai mentre rimetteva il contenitore a posto. Justin si voltò e finalmente si accorse che stavo lì in piedi. I suoi capelli erano bagnati, e sembrava fossero marroni anziché biondi. Doveva essersi fatto una doccia per lavare via l’imbarazzo del nostro incontro. Dolorosamente bello in una maglietta marrone stropicciata che aderiva al suo torace come un guanto, mi fissò.
Ci siamo.
Mi preparai alle sue parole umilianti. Il mio cuore stava battendo fuori dal mio petto mentre lui continuava a guardarmi con aria assente senza dire nulla. Camminò lentamente verso di me, e tutti i muscoli del mio corpo si irrigidirono. Stava per sbattermelo in faccia.
Merda.
“La tentazione è naturale. Questo non significa che bisogna cedere”.
Sembrava stesse ponderando le sue parole nel tentativo di convincere se stesso di questo

Estratto Originale
My heart felt like it was pounding out of my chest. Watching this whole thing unfold had made me totally lose sense of reality. I felt like I’d been experiencing every movement, every feeling right along with him, except I wasn’t allowed to come. It was as if I’d seriously lost my mind in the process. That was the only thing that could possibly explain why my body decided to betray me, letting out an involuntary sigh….moan? I wasn’t sure and couldn’t even tell you what it was except to say whatever sound I made caused Justin to jump back. His head whipped toward me, and his shocked eyes met mine for a brief second before I ran back down the stairs.
Humiliated.
Mortified.
My heart felt like it was in my mouth. Escaping out the front door and down to the water, I continued to run aimlessly on the sand. At one point, about a mile down the beach, it became necessary to stop and catch my breath, even though I wanted to keep running. I’d gotten so wrapped up in Justin that I’d forgotten how sick I was this afternoon. It was all hitting me again as I stumbled over to the shoreline and vomited into the ocean.
I collapsed into the sand and must have sat there for over an hour. The sun was starting to go down, and the tide was coming in. It felt like everything was closing in on me. I knew I couldn’t avoid going home forever.
What if he told Jade what I’d done?
That I was watching him.
Oh God.
He was going to crucify me for this.
What excuse could I possibly give him that would explain why I was hiding behind his door, watching him ejaculate like it was a Fourth of July fireworks performance?
I decided that I needed to get home before Jade did. Maybe I could convince him not to say anything. Brushing the sand off my thighs, I made my way back over to the house.
My heart nearly stopped upon finding Justin standing in the kitchen, drinking out of a half-gallon of orange juice. I stood silently behind him and watched as he put the container back.
Justin turned around and finally noticed me standing there. His hair was wet, making it appear brown instead of blonde. He must have taken a shower to wash away the awkwardness of our encounter. Looking painfully handsome in a brown distressed t-shirt that fit his chest like a glove, he just stared me down.
Here it comes.
I braced myself for his humiliating words. My heart was beating out of my chest as he just continued to look at me blankly without saying anything. He slowly walked toward me, and all of the muscles in my body tightened. He was going to get in my face and do it.
Shit.
roomhate.png
RoomHate releases on February 15th!
Pre-order your copy here:
Add RoomHate to your TBR list on Goodreads!
Sign up for Penelope’s mailing list now to be the first one notified of releases: http://eepurl.com/MnXoH.
About the Author:
Penelope Ward
PENELOPE WARD.jpg

Penelope Ward è autrice di Bestseller del New York Times, USA Today e Wall Street Journal. E’ cresciuta a Boston con cinque fratelli maggiori ed ha trascorso la maggior parte dei suoi vent’anni come presentatrice di notizie televisive, prima di dedicarsi ad una carriera molto familiare. E’ la madre orgogliosa di una bellissima bambina di undici anni affetta da autismo, e di un bambino di nove anni. Penelope e la sua famiglia vivono a Rhode Island.
Penelope Ward is a New York Times, USA Today and Wall Street Journal Bestselling author. She grew up in Boston with five older brothers and spent most of her twenties as a television news anchor, before switching to a more family-friendly career. She is the proud mother of a beautiful 11-year-old girl with autism and a 9-year-old boy. Penelope and her family reside in Rhode Island.
Other books from Penelope Ward
Sins of Sevin
Cocky Bastard
Stepbrother Dearest


Gemini
Jake Undone (Jake #1)
My Skylar
Jake Understood (Jake #2)

1 commento:

Vanessa ha detto...

Facciamo una petizione per avere in Italia tutti i romanzi della Ward!!sono uno più bello dell'altro!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...