Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

giovedì 21 gennaio 2016

Recensione "L’amore non è mai una cosa semplice"di Anna Premoli

Ciao Rumors. Oggi la nostra Cristina Migliaccio ci parla dell'ultimo romanzo di Anna Premoli intitolato L’amore non è mai una cosa semplice.
Titolo: L’amore non è mai una cosa semplice
Autore: Anna Premoli
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Contemporary Romance
Prezzo: Cartaceo EUR 9,90 - Kindle EUR 4,99
Uscita: Novembre 2015

Trama: E se per ottenere un buon voto all'università dovessi fare amicizia con qualcuno che proprio non ti piace? Lavinia pensava che nella vita avrebbe insegnato e invece, dopo la maturità, si è lasciata convincere dai genitori a iscriversi a Economia. E ormai al suo quinto anno alla Bocconi, quando si trova coinvolta in un insolito progetto: uno scambio con degli ingegneri informatici del Politecnico. Lo scopo? Creare una squadra con uno studente mai visto prima, proprio come potrebbe capitare in un ambiente di lavoro. Peccato che Lavinia non abbia alcun interesse per il progetto. E che, per sua sfortuna, si trovi a far coppia con un certo Sebastiano, ancor meno intenzionato di lei a partecipare all'iniziativa. E così, quando la fase operativa ha inizio e le sue amiche cominciano a lavorare in tandem, Lavinia è sola. Ma come si permette quel tipo assurdo - a detta di tutti un fuoriclasse dell'informatica - di piantarla in asso, per giunta senza spiegazioni? Lavinia non ha scelta: non lo sopporta proprio, ma se vuole ottenere i suoi crediti all'esame, dovrà inventarsi un modo per convincerlo a collaborare... Ma quale?

Sono una grande amante dei romance, ma ammetto di non essere una lettrice che si accontenta. Inizio a seguire le grandi correnti soltanto perché sono d’animo curioso, ma non tutto ciò che leggo riesco ad apprezzarlo. Così è successo con Anna Premoli. Ho letto tutti i suoi romanzi, ne ho apprezzati soltanto tre e “L’amore non è mai una cosa semplice” è uno di questi. Sarà che la protagonista è una ragazza così alla mano che diventa lo specchio di tante. Sarà che per una volta è il personaggio maschile ad essere vulnerabile e adorabilmente preso dal suo mondo da nerd, tanto da non accorgersi dell’amore che bussa alla sua porta.


L’università è piena di gente interessante, le opportunità non mancano e i sogni altrui abbondano. Il problema non sono i corsi o le persone. Il problema sono io, la ragazza perennemente indecisa che non trova nemmeno la forza di ammetterlo con gli altri.”
Lavinia è una ragazza come tante, tremendamente reale per la società in cui viviamo, sempre remissiva e abbandonata alla parola alfa d’altri per quieto vivere, finché non arriva Sebastiano. Prima di questo incontro forzato dalla mano universitaria, Lavinia ha sempre vissuto aspettando che gli altri prendessero le decisioni per lei: cosa mangiare, come vivere, cosa studiare, chi frequentare. Prima d’incontrare Sebastiano, Lavinia era un costante punto interrogativo che camminava per il mondo. Non sa cosa cerca dal proprio futuro, soprattutto perché non le è chiaro come vivere il proprio presente. Ma Sebastiano è la risposta ai propri interrogativi, con le sue t-shirt sarcastiche in perfetto stile nerd, il suo cervello iperattivo e un mondo fatto di codici e corazze. Sebastiano non bada alle apparenze ed è il motivo per cui sin dall’inizio si presenta per quello che è: indifferente, alquanto burbero e super nerd. Ha le idee chiare per il suo futuro, per il quale non sono previste deviazioni. Peccato per lui che la più grande sarà proprio Lavinia, che a sua volta scoprirà cosa significa lottare per la prima volta nella sua vita, emergere da quel bozzolo d’indifferenza e rendersi conto che c’è sempre un motivo che ci sprona a essere migliori.
Ciò che rende speciale Sebastiano è l’assenza di filtri. Lui è così come lo vedi: una rosa coperta da un’infinità di spine. E Lavinia le rimuove pian piano, scoprendo quanto bello possa essere il risultato nonostante le piccole ferite.

“Le persone più impenetrabili sono quelle che possono essere ferite più facilmente.
La coppia Lav-Seb è stata la mia preferita di tutti i romanzi della Premoli, forse perché la considero la più realistica o quantomeno perché si avvicina molto al genere di romance che piace a me. Lavinia sa il fatto suo e, nonostante venga presentata inizialmente come la classica protagonista passiva, in realtà dimostra nel corso della vicenda di essere colei che manovra il timone della nave. La stessa Lavinia che, grazie a Sebastiano, si rende conto di quanto sia bello poter vivere per se stessi, e non per conto d’altri.
L’amore non è mai una cosa semplice” è una lettura che scorre tremendamente in fretta, arrivi a metà della storia senza rendertene conto e vorresti tornare indietro con la dolce innocenza di chi legge per la prima volta, così da gustarti ogni singola spina caduta, ogni pezzo di cuore conquistato. Per quanto opposti possano apparire, Lavinia e Sebastiano sono soltanto due persone alla ricerca del loro posto nel mondo con qualcuno accanto.
Ultima nota prima di concludere è che la Premoli, con cui sono entrata in contatto dunque forte certa, pubblicherà un nuovo romanzo con protagonista una delle migliori amiche di Lavinia, nonché Giada, e vi lascio con una delle sue puntigliose battute senza le quali il romanzo non sarebbe stato lo stesso:
 «Spacca tutto!», mi appoggia Giada, alzando il pollice in segno d’approvazione.
«Ma lei è una che non spacca mai niente» le fa notare Ale.
«Appunto, è ora che inizi».


Cristina Migliaccio

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...