Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

lunedì 11 gennaio 2016

Anteprima "Invisibile" di David Levithan e Andrea Cremer

Ciao Rumors. Oggi vi presento in anteprima Invisibile di David Levithan e  Andrea Cremer. Una magica storia d’amore tra un ragazzo che ha la maledizione di non poter essere visto e l’unica ragazza che può vederlo... Elizabeth.
Titolo: Invisibile
Autore: David Levithan e  Andrea Cremer
Editore: Newton Compton
Genere: Fantasy
Prezzo: Eur 4,99
In uscita il: 14/01/2016 
Amazon

 Stephen è abituato a non essere notato. È nato così. Invisibile. A causa di una maledizione. Elizabeth ha desiderato spesso di essere invisibile. Se la gente non ti vede, nessuno può ferirti. Quando i due si incontrano però, qualcosa cambia per sempre nelle loro vite. Stephen si accorge con stupore che Elizabeth riesce a vederlo, e la ragazza si rende conto che desidera essere vista da Stephen, che non ha paura di mostrarsi a lui. Cosa sta succedendo? Da dove ha origine la maledizione che pesa sulla famiglia di Stephen? All’improvviso i ragazzi si ritrovano catapultati in un mondo segreto popolato da maghi e stregoni, di fronte a una scelta difficile, che mette in gioco il loro amore e le loro vite.
Estratto

Sono nato invisibile.
Non so come andarono le cose. Mia madre si recò in ospedale aspettandosi un bambino normale, visibile? O credeva nella maledizione, sapeva cosa sarebbe successo e quindi partorì in segreto? È un’immagine così strana, persino per me: un neonato invisibile, introdotto nel mondo. Come fu quel primo momento? Quando mia madre mi tenne in braccio e non c’era nulla da vedere, solo percepire? Non me l’ha mai detto. Per lei, il passato era invisibile come io ero invisibile. Le sfuggì di bocca che era una maledizione, alcune brevi parole con mio padre, che non avrei dovuto sentire. Ma ormai era fatta. Nessun perché. Nessun percome. C’era solo quel fatto, nudo e crudo, ed era la mia vita. Invisibile. Sono invisibile. Voglio continuare a chiedere ai miei genitori perché. Voglio continuare a
chiedere ai miei genitore come. Ma non posso più. Se ne sono andati ormai. Mio padre ci ha lasciati quando io ero piccolo. Era troppo per lui. Mia madre ha resistito quanto più ha potuto. Quindici anni. E poi il suo corpo ha ceduto. Una vena nel cervello. Sono solo da quasi un anno ormai. Nessuno può mai vedermi, per quanto mi sforzi. Posso essere toccato, ma solo se mi concentro. E posso sempre farmi sentire, se scelgo di parlare. Queste, immagino, sono le regole della maledizione. Mi ci sono abituato, anche se non le capisco. Quando ero un neonato, avevo automaticamente un peso, ma più di invisibile ventavo cosciente più dovevo concentrarmi per essere tenuto. Non mi dissolvo: una parte di me è sempre lì, non attraverso il pavimento o le pareti. Ma toccare… ecco, quello richiede uno sforzo. Non sono solido per il mondo, ma il mondo è solido per me. La maledizione è un’intricata e spesso contraddittoria ragnatela, e io ci sono nato all’interno. Sono un inconsapevole schiavo dei suoi progetti. In una città come New York è semplicissimo essere invisibili, fintanto che hai un padre assente che contribuisce al tuo conto in banca di tanto in tanto. Qualsiasi cosa – generi alimentari, film, libri, mobili – può essere ordinata su Internet. Non c’è mai bisogno dello scambio di contanti. I pacchi vengono lasciati fuori della porta. Il più delle volte sto in casa, ma non sempre.
Vivo a quattro isolati da Central Park, e trascorro la maggior parte dei pomeriggi lì. È dove scelgo di vivere la mia vita priva di tracce e ombre. Sono solo un’altra parte dell’universo. Sono negli alberi, nell’aria, vicino all’acqua. A volte rimango seduto su una panchina per ore. Altre vago per il parco. In ogni momento osservo. Turisti e gente del luogo. Persone che portano fuori il cane ogni giorno a mezzogiorno in punto. Gruppi di adolescenti che schiamazzano per attirare l’attenzione dei coetanei. Anziani che, come me, rimangono seduti e osservano ciò che hanno intorno, come se avessero tutto il tempo del mondo, quando nel profondo sanno che è vero l’esatto opposto. Osservo tutti loro. Ascolto le loro conversazioni, sono testimone delle loro confidenze. Non dico mai una parola, tanto che tutti loro sono più coscienti degli uccelli, degli scoiattoli, del vento.
Non esisto. Eppure esisto. Mi manca mia madre. Quando ero piccolo, mi ha insegnato a concentrarmi, a dare a me stesso un peso quando l’istinto cominciava a scomparire. In quel modo poteva portarmi ancora sulle spalle, dirmi di aggrapparmi a lei. Voleva che vivessi nel mondo, non al di fuori. Non tollerava nel modo più assoluto che mi comportassi male: non si rubava, non si spiava e non ci si approfittava di nessuno. Ero maledetto, ma non dovevo maledire gli altri. Ero diverso, sì, ma non ero meno umano di tutte le altre persone. Perciò dovevo comportarmi come ogni altro essere umano, anche se non mi sentivo affatto umano.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...