Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

mercoledì 11 novembre 2015

Rubrica libri in lingua originale "Sorpréndeme"di Megan Maxwell.

Ciaoo Rumors! Oggi per la rubrica libri in lingua originale, la nostra nuova amica Fabiana Andreozzi ha letto e recensito per Il Rumore dei LibriSorpréndeme, spin off della serie Chiedimi quello che vuoi che ha come protagonista Bijorn  di Megan Maxwell.
Titolo: Sorpréndeme
Autrice: Megan Maxwell
Genere: Erotico
Lingua: Spagnolo
Prezzo Kindle: € 6,49
Prezzo Cartaceo: 6,95
Trama:
Björn è un attraente avvocato a cui la vita ha sempre sorriso. È un uomo ardente, allergico al compromesso, ma al quale piace godere della compagnia femminile durante i suoi giochi sessuali. Melanie è una donna d’azione. Come pilota dell’esercito americano è solita vivere al limite la sua vita, tuttavia, la sua principale missione è quella di lottare come madre single per educare sua figlia. Quando il destino li mette faccia a faccia, la tensione tra loro diventa evidente… ma quello che all’inizio fu un incontro ostile, poco a poco si andrà a convertire in una irrefrenabile attrazione.  
Riusciranno questi due titani a capirsi?

Premetto che non sono un’appassionata di libri erotici dedicati alla condivisione, non condivido un piatto di pasta figuriamoci un uomo con un’altra… però dalla prima trilogia della Maxwell, dedicata a Eric e Jud tradotta in italiano, ero rimasta intrigata dal personaggio di Björn. Quando ho scoperto che la scrittrice gli aveva dedicato addirittura un romanzo, approfittando di un viaggio in Spagna, ho deciso di comprarlo.

Giunta alla fine del romanzo posso dire che il libro dedicato a Björn mi ha appassionato mille volte di più di quello tradotto in italiano. Il personaggio l’ho amato molto di più di Eric, che l’ho percepito

freddo e impostato come il suo nickname Iceman, Björn trasuda sensualità, carisma, è un uomo deciso che sa quello che vuole. Pure nei momenti più intimi è lui che sceglie e decide. Padrone in ogni situazione.
Il libro inizia proprio con la sua appetitosa descrizione:
Alto…
Moreno…
Sexy…
Simpatico…
Asì es Björn Hoffman.
Per tutte le appassionate del genere entriamo subito nel vivo della passione e dei giochi sessuali che tanto ama il protagonista.
Nel secondo capitolo invece conosciamo Melanie, la donna che la Maxwell gli ha messo di fronte e che in qualche modo è il suo alter-ego femminile. Melanie è pilota nell’esercito. Non si piega e non si spezza. Quello che mai mi sarei aspettata è che entrambi giocano sullo stesso piano d’azione per quanto riguarda la sfera sessuale.
Quando si incontrano per la prima volta tra i due volano scintille e parole pesanti. Lei gli tiene testa in tutti i sensi. Decisa, sicura, sa quello che vuole, come prenderselo e quando. Non ama che le si diano ordini in camera da letto e Björn ovviamente ama darli (ovviamente neanche lui ama riceverli).
Eppure di lei colpisce subito quella malinconia e tristezza con cui vive certe situazioni, legata a un ricordo passato che brucia ancora forte dentro di lei.
Il tutto poi è arricchito dalla presenza di Sami, questa piccola principessina figlia di Melanie, che è un delizioso amore e ci permette di osservare Björn in panni inaspettati.
Ho adorato i diverbi all’ultima parola che si scambiavano i due protagonisti prima di arrendersi a questa folle passione che li lega. Mi sono ritrovata più volte a ridere per i buffi epiteti che si sono lanciati: dalla mezzasega a presuntuoso, dalla fidanzata di Thor all’insetto raro, da Ironwoman a bambolino.
Nella copertina spagnola è rappresentata una fragola intinta nella cioccolata perché oltre a Mel, sono le cose che Björn ama. Nel libro gioca sul doppio senso di fragola (fresa), ne ama una in particolare . Mi chiedo se e quando verrà finalmente tradotto in Italia quale copertina gli affibbieranno; nera con il solito fiore? Non vi nascondo che in preda al delirio ho contattato anche la Maxwell che è stata un amore e mi ha risposto immediatamente con un messaggio vocale in cui parlava a raffica senza neppure respirare; non so perché ma mi ha fatto pensare un po’ a Jud mentre l’ascoltavo. Anche lei spera che presto Björn approdi in Italia!
Comunque tornando al contenuto, nonostante il mio poco amore per Eric, è stato piacevole leggere di Judith, di Flyn e scoprire cosa sta succedendo di bello nelle loro vite. Non vi spoilero nulla, per non rovinare la sorpresa a chi lo leggerà prima o poi in italiano ma ne succedono di belle e la nostra Jud sta sempre in bella mostra con la sua boccuccia impertinente a tessere intrighi e a occuparsi della sua famigliola. Mi è piaciuto molto un pezzo dove spiega a Mel l’amore che prova per Eric e le spiega il motivo per cui condivide certi giochi che un tempo abborriva. Ama tutto di lui e vuole condividere tutto con lui. Okay, lei è stata a tratti più poetica della mia sintesi ma anche se ho gradito la sua spiegazione e mi ha colpita non mi sono lasciata ancora convincere su questa pratica :D
Tra passioni forti, battibecchi, incomprensioni, verità celate la storia scorre fino all’ultima pagina avvincente e mai noiosa, anche se a volte, a fasi alterne, avrei voluto picchiare o Mel o Björn per certe scelte e atteggiamenti tenuti l’uno nei confronti dell’altro ma ovviamente è un libro e va romanzato, così come neppure la vita quotidiana è mai scevra di scelte particolari e difficili che portano l’amore lontano o ce lo mostrano impossibile.
Ora carissime mi tuffo nel seguito, Pídeme lo que quieras y yo te lo daré, appena uscito in Spagna, dovrebbe trattarsi della conclusione del trilogia chiedimi quello che vuoi. Un libro dedicato ai quattro indiscussi protagonisti: Jud, Eric, Björn e Melanie. Non so quali altre avventure sulle due coppie ci riservirà la Maxwell oltre alle solite condivisione ma io sono morbosamente curiosa di scoprire cosa si cela nel nuovo mattone di quasi 500 pagine e spero di potervi, quanto prima lasciare, le mie impressioni in merito e che sappia Sorprendermi anche stavolta.
Vi lascio con una delle frasi più belline in lingua, mi ha colpito questo loro sentirsi l’uno nel corpo dell’altro seppure non fossero vicini e non si stessero toccando… insomma una potente alchimia che li unisce solo con uno sguardo…
Y el morbo del momento fue el que originò que, sin acercarse ni tocarse, se sentieran el uno en el cuerpo del otro.

9 commenti:

Lara Way ha detto...

Io amo la Maxwell

Megan Maxwell ha detto...

Muchísimas gracias. Me encanta saber que te gustó. Mil besossssssss

Licio ha detto...

Gracias Megan! Bjorn es muy hermoso <3

Lidia ha detto...

Gracias Megan!

Tiziana Matarrese ha detto...

Fabiana bellissima recensione bjorn già nei primi due mi aveva incuriosito ora vorrei leggerlo subito .........la Maxwell è una garanzia

Daniela Luna ha detto...

Muchísimas gracias Megan.

Serenella Passi ha detto...

Grandeissimaaa complimenti. Ho visto che ha commentato gracias Megan besoss

Valentina Panzetta ha detto...

Dalla trama non mi ha intrigato per niente, però leggendo la tua recensione sembra un libro stupendo! *-* Mi piacerebbe molto leggerlo! :)

Marina Zanchetti ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...