Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

venerdì 21 agosto 2015

Recensione "Sicilia" di Silvestra Sorbera

Sicilia 
Silvestra Sorbera 
Prezzo Kindle: EUR 1,49 
  Amazon 
 Torna l'autrice di Vita da sfollati, con una storia ambientata a cavallo degli anni '60. Sicilia sogna e vuole fortemente emanciparsi dalla famiglia e dalla comunità in cui vive. Attorno a lei, la sua amica Anna, le sorelle, i primi moti studenteschi. Riuscirà a conquistare il ragazzo di cui si è innamorata, a portare i pantaloni e diventare un medico? O dovrà imparare che la vita è fatta di compromessi?
RECENSIONE A CURA DI VITTORIO DE AGRO'
Essere donna è un “mestiere” difficile,ma esserlo in Sicilia lo è anche di più.
La Sicilia è una terra strana in cui a volte accadono delle le rivoluzioni anticipatorie rispetto a quello che poi succederà nel “continente”.
La Sicilia è insieme progresso e tradizione , frenesia e indolenza,  cultura e ignoranza.
Essere donna in Sicilia non è facile oggi, figuriamoci tra gli anni cinquanta e sessanta nell’entroterra.
La parola femminismo era ovviamente sconosciuta e la donna aveva solo tre compiti: procreare, pulire e servire il maschio in ogni suo desiderio.
Leggendo questo racconto di Silvestra Sorbera non ho potuto non pensare al bel libro  di  Lara Cardella “Volevo i pantaloni”  poi divenuto un’altrettanto bel film di Maurizio Ponzi che raccontava la lotta di una giovane protagonista in lotta per i suoi diritti e spazi  all’interno dell’ottusa e patriarcale famiglia.
Sì,  perché la libertà e la voglia di vivere non possono essere tenere  bloccate e prigionieri soprattutto in famiglia.

Sicilia è una ragazza come tante altre di una umile famiglia di Pachino, piccolo paesino del Ragusano, ma rispetto alle sue coetanee non accetta i diktat familiari e di tenere nascosta la propria esuberante e forte personalità.
Sicilia vuole studiare, vuole conoscere la vita e soprattutto vuole uscire fuori dal piccolo e chiuso mondo in cui è nata e  la tradizione familiare vorrebbe imporre anche di vivere e invecchiare.
La storia di Sicilia è raccontata  attraverso i ricordi della figlia  Cristina alla nipote Elisa facendo in modo di unire tre generazioni e mescolando passant ,presente e  soprattutto futuro.
La vita di Sicilia nella sua semplicità è segnata dal coraggio, dall’intraprendenza e dalla voglia di stupire  fin dall’adolescenza  nel voler sapere come è fatto un corpo di una donna, nel decidere d’ indossare un paio di rivoluzionari jeans invece della gonna e poi di voler  prendere il diploma scientifico anziché il magistrale.
Sicilia vuole essere libera anche in amore e di poter scegliere chi sia l’uomo ad avere accanto, perché l’amore è la più alta forma di libertà che ci sia,  cosi con Luciano   prima compagno  di scuola e poi di radio libera decidono di sfidare il parere negativo delle rispettive famiglie e di sposarsi.
Lo stile di Silvestra è semplice,pulito sebbene  tenda ad essere troppo cronistico  nel suo raccontare e soprattutto  nel descrivere i personaggi penalizzando l’aspetto psicologico dei personaggi e non evidenziando maggiormente ad esempio  i personaggi dei genitori di Sicilia che rappresentano il contro altare della protagonista.
L’intreccio narrativo è ben costruito  e nel complesso ben sviluppato anche se forse  il ritmo appare leggermente compassato rendendo la lettura seppure scorrevole e fluida priva di  quel pathos narrativo  incalzante e avvolgente che magari sarebbe  auspicabile per il lettore.

La Sicilia sta continuando a cambiare anche oggi e grazie alle donne come Sicilia, che il ruolo della donna è mutato  prendendosi  finalmente  le meritate luci dei riflettori.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...