Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

sabato 27 dicembre 2014

Il weekend degli estratti...

Ciao a tutti e buon sabato. E nuova rubrica Il weekend degli estratti. Di cosa si tratta? Ogni venerdì metteremo sul gruppo Il Rumore dei Libri, un post dove inviteremo gli autori a posare degli estratti dei loro libri. Accumuleremo le varie immagini e le metteremo di sabato qui sul blog. Vi ricordo che tutti i libri sono acquistabili sugli store Amazon, Kobo ecc.
Quindi, che aspettate? Vi aspettiamo nel gruppo! Per leggerli meglio cliccate sull'immagine
In volo con te di Jessica Maccario

Piccole Storie oscure di Tina Caramarnico

Come il vento per la girandola di Nadia Filippini
"Scivolò fuori dalle lenzuola e lo raggiunse con passo leggero. In piedi, dietro di lui, gli accarezzò le spalle con la lingua e con una scia di baci, premendogli i seni sodi sulla schiena.
 «Non dirmi che sei già stanco». 
 Lo provocò, facendogli scorrere decisa le mani dai fianchi all’ombelico e più giù, infilando le dita sotto l’elastico dei boxer. Sentì il respiro di lui accelerare e lo vide piegare la testa all’indietro. Un fremito, e il suo corpo rispose per lui a quella domanda. Le prese i polsi e si staccò da lei. Si girò e finalmente tornò ad ammirarla. Anche immersa nella penombra la sua figura sensuale si delineava nitida davanti a lui. Il profilo di quelle labbra carnose, piegate in un malizioso sorriso di sfida, e di quel corpo perfetto, erano una tentazione troppo forte per non cedervi ancora, un’ultima volta. Con un movimento del braccio la tirò a sé e cercò la sua bocca, affamato. Con impazienza, la fece sdraiare e si insinuò tra le sue gambe, per godere ancora di lei. Proseguendo in quel modo, quella notte, gli avrebbe tolto ogni energia vitale, ma non gli importava. Si illuse, ancora una volta, che andasse bene così."

Il cuore è tuo di Marianna Mineo

Calista Battaglia... tutta colpa del rock di Lucia Patacqui

Sei Gradi di separazione di Federica Nalbone

L'amore si fa in quattro di Raffaele Napolitano
 La squadra avversaria era sbilanciata in attacco e il campo davanti a lui era libero. Schivò un bisonte, grosso ma troppo lento per lui. Corse ancora più veloce, guardandosi intorno ed evitando i vari tentativi di placcaggio. Sentiva il fiato degli avversari sul collo e, in effetti, ne aveva ancora due alle spalle. Era più veloce, più in forma ed era il capitano, l’uomo su cui tutti contavano. Non poteva deluderli. Si lanciò in meta, segnando i primi punti della partita. Il pubblico si infiammò di entusiasmo, facendo partire cori d’ovazione per il loro infallibile capitano che fu travolto festosamente dai compagni di squadra nell’area di meta. Ora toccava a Pietro aggiungere due punti, realizzando con successo la trasformazione. Posizionò il pallone sulla piazzola. Fece tre passi indietro, guardò il pallone, poi i pali, poi di nuovo il pallone… e lo colpì. La traiettoria fu precisa e impeccabile. Finì dritta tra i pali. 

La leggendaria guerriera di Aurora Ballarin

Ricomincio da me di Elena Russiello
"...Alzai gli occhi sentendolo parlare e in quel momento cambiai idea. Ricky era tornato, ma era cambiato qualcosa in lui. Era a pochi centimetri da me e vedevo i suoi occhi che mi guardavano come se fossero in cerca di chissà quali risposte.
“Anni fa ballavo” dissi all'improvviso spostando lo sguardo da lui.
Non riuscivo a sostenerlo. Dovevo cambiare discorso. I suoi occhi continuarono a cercare i miei.
 “E ti manca.” Non era una domanda.
“Da morire” dissi malinconica.
Cercò di spezzare la tensione.
“Se ti può consolare sei ancora bravina. Potresti insegnare agli anziani.” Gli diedi un pugno sulla spalla. “Idiota.” Mi strinse ancora di più a se.
“Non lo pensi davvero.”
“Non puoi esserne così sicuro” dissi sfidandolo.
Lasciò la mia mano e abbassò lo sguardo su di me. Occhi profondi, intensi. Appoggiò la mano sulla mia guancia e con il pollice mi accarezzò lo zigomo. Vedendolo avvicinarsi, d'istinto chiusi gli occhi e quando le mie labbra quasi toccarono le sue, un telefono squillò.
 “E' meglio se rispondi” dissi piano. Sentivo ancora il calore della mano sul viso.
“Ricky il telefono. Devi rispondere.”
Una volta distanti andai verso lo stereo e staccai il suo ipod. Cosa stavo per fare? L'ennesima cazzata. Dieci minuti lo trovai appoggiato al muro che mi fissava.
 “Ho incasinato di nuovo tutto, vero?”
“No, non hai incasinato nulla.” Mi toccai i capelli nervosa.
“Adesso però è meglio se andiamo a dormire.”
Ricky si staccò dalla parete, infilò le mani nelle tasche e si avvicinò a me. Abbassò la testa e senza nessun dubbio o incertezza mi baciò. Solo allora tirò fuori una mano e l'appoggiò sulla mia schiena per tenermi vicino. Si staccò poco dopo.
 “Volevo farlo dalla prima volta che ti ho vista, quando ti ho rovesciato i cappuccini addosso” disse accarezzandomi i capelli.
“Possiamo far finta di nulla. Dimenticare...ma non scappare di nuovo.” Annuii imbarazzata. Sentivo su di me il sapore di quel bacio, delle sue labbra e il suo profumo di dopobarba...."


Aspettavo noi di di Elena Russiello
Martedì pomeriggio.....
“Che ci facciamo qui?” disse
quando le tolsi le mani dagli occhi. Mi ero messo d'accordo con Fabio
per lasciarmi lo studio per qualche ora. C'era un'ultima cosa che
dovevo fare. Sorrisi intrecciando le nostre
dita. “Ho venduto le quote a Fabio.”
“Ricky no, tu ami questo posto!”
“Si e un giorno magari
tornerò. Adesso vieni per prima tua. Ti amo.” Appoggiò le mani sulle mie guance e mi baciò.
“Ti amo.”
“Così tanto da farti fare un tatuaggio da me?” Annuì. La sollevai da terra
abbracciandola.
“Dai smettila, mettimi giù” disse ridendo.
Nervoso come se fosse la prima
volta presi fiato ed iniziai. Quando finii guardai il suo
polso. Era lì, piccolo e Nostro. Baciai il mio Sole.

Amethist di Silvia Castellano

Amore Proibito di Antonietta Agostini
Suonano alla porta. Tiro su con il naso, mi asciugo le lacrime e vado ad aprire.
Christian incombe in casa, con un’aria raggiante più che mai.
«Allora, dimmi che diavolo ti è saltato in mente!»
Già, che mi è saltato in mente? Non lo so, è questo il problema!
«Allora?» mi incita a parlare.
«Non lo so!» sbotto.
«Come sarebbe a dire non lo sai?» insiste.
«Eh, non lo so davvero. So solo che, da quando ho visto Nicholas, sento qualcosa di strano dentro di me. Per un attimo ho pensato solo che volevo saltargli addosso e fare sesso con lui sul divanetto del suo fottutissimo ufficio!» dico con tutta sincerità.
«Oddio Gioia, ma che ti prende?» sembra sbalordito per il mio comportamento e per il linguaggio, che non mi appartiene affatto.
«Okay, ragioniamo», si fa serio.
«Su cosa?» inarco un sopracciglio.
«Lo vuoi rivedere?»
«Credo di sì», abbasso lo sguardo timidamente.
«Okay. E perché?» cerca di analizzarmi, ma in questo momento credo sia davvero impossibile.
«Non lo so! Sono attratta da lui ed è assurdo visto che non lo conosco neanche!» il mio tono di voce sembra isterico.
«Vuoi scopartelo e basta quindi», dice schietto, toccandosi il mento con una mano.
«Cri, non lo so», dico esasperata.
«Cazzo non sai nulla! Tieni …» dice, passandomi il mio cellulare.
«Che devo fare?»
«Scrivi: domani sera alle dieci, sotto casa mia. A te la scelta, il posto lo decidi tu.»
«No.»
«Lascia stare quel coglione di Matteo, vedi ‘sto Nicholas, fatti una scopata e poi torna la Gioia di sempre, che questa nuova versione mi mette un po’ paura. Non ti riconosco più!» dice ridendo.
La cosa buffa è che non mi riconosco neanche io....

L'ombra della Lupa di Giovanna Mazzini

La stella D'oro di Barbara Risoli

Il dono della felicità di Sara Purpura

Coppia di Cuori di Samantha L'IIe
 L'immagine di un ragazzo stupendo che sfreccia in pista ciclabile sulla sua sedie a rotelle mi riempie la mente. L'ho visto solo due volte e in entrambe le occasioni mi ha colpita come una folgore, così come in questo momento mi sto innervosendo al solo pensiero di rivederlo. Si chiama Leonardo e sono certa che si tratti di lui. 

Il sentiero d'inverno di Serena De Filippi

Cronache della fine del mondo di Sara Mazzini

L'amore e altri guai di Prisca Turazzi

La nave di cristallo di Simona Busto

Un pregiudizio ingombrante di Anna de Lorenzo

La sabbia delle streghe- alla ricerca dei ricordi di Teresa di Gaetano

Destino di un'amore di Linda Bertasi

Il cuore e la maschera di Daniela Jannuzzi

The Black Mask di Virginia Rainbow

Peccato d'Amore (She is my Sin SAGA #2) di Diletta Brizzi
Non mi resi conto di cosa fosse successo, ma non appena realizzai che qualcuno ci avesse assaliti, notai un agente giacere a terra privo di coscienza e forse anche di vita.
«Sei stata una bambina cattiva» esordì una voce. Quella voce. 
Fui colta dal terrore alla vista di Leonardo che, tenendo il pugno stretto alla gola del poliziotto rimasto in piedi, con un rapido strattone ne spezzò il collo lasciando ricadere al suolo, come fosse un panno sporco, quel corpo ormai senz'anima. 
«Non farmi del male» mormorai in preda alla paura. 
Lui sorrise.
 ***************************
Al prossimo sabato!

mercoledì 24 dicembre 2014

Recensione "A un passo dalla vita" di Thomas Melis

TITOLO: A un passo dalla vita
AUTORE: Thomas Melis
EDITORE: Lettere Animate
GENERE: Noir/Hard Boiled
PREZZO: € 1,99 (€ 2.99 su Google Play Store)
ISBN: 978-88-6882-213-2
PAGINE: 320
Disponibile nelle librerie online nei formati EPUB e Kindle
Link Google Play Store: http://bit.ly/1wcvOSR
Link inMondadori (Kubo): http://bit.ly/1siYxk1
Link Libreria Universitaria: http://bit.ly/1uA1Adp

Sinossi 2 (1280 caratteri) È una Firenze fredda, notturna e mai nominata quella che fa da palcoscenico alla storia di Calisto e dei suoi sodali, il Secco e Tamagotchi. La città è segnata dalla crisi globale, dietro l’opulenza pattinata del glorioso centro storico si nasconde la miseria dei quartieri periferici. Calisto è intelligente, ambizioso, arriva dal Meridione con un piano in mente e non ha intenzione di trasformarsi in una statistica sul mondo del precariato. Vuole tutto: tutto quello che la vita può offrire. Vuole lasciarsi alle spalle lo squallore della periferia – gli spacciatori albanesi, la prostituzione, il degrado, i rave illegali –, per conquistare lo scintillio delle bottiglie di champagne che innaffiano i privè del Nabucco e del Platinum, i due locali fashion più in voga della città. Calisto vuole tutto e sa come vincere la partita: diventando un pezzo da novanta del narcotraffico. Cupamente, nella rappresentazione di un dramma collettivo della “generazione perduta”, schiava di un sistema socioeconomico degenere e illusa dalle favole di una televisione grottesca, si snoda questa storia di ingiustizie e tradimenti, ma anche di amicizie e amori forti tragicamente condannati. Perché il male non arriva mai per caso e la vita non dimentica mai nulla, non perdona mai nessuno. 
RECENSIONE A CURA DI VITTORIO DE AGRO' PER IL RUMORE DEI LIBRI

Un tempo si studiava con l’obiettivo di ottenere l’agognata laurea per aver il pass per poter entrare nei club più esclusivi del Paese. Il pezzo di carta era considerato l’unico mezzo per distinguersi dalla massa.

Le università sono state prese d’assalto da migliaia di giovani con la speranza non tanto d’imparare, ma piuttosto di diventare qualcuno.

Negli anni Ottanta il sogno dei giovani era diventare yuppies, indossare un paio di ray-ban e presenziare a Cortina. Gli anni Novanta sono stati invece gli anni dei sogni e dell’ottimismo sfrenato dove non porsi limiti era il mantra della gioventù. Il nuovo millennio è arrivato carico di aspettative e ambizioni per tutti, diventando per ben presto l’ottava piaga di Egitto sotto forma della lunga e devastante crisi economica.

Cosa dunque è rimasto dei sogni e ambizioni di intere generazioni?Sono tante le domande che l’ inquieto e ancora ingenuo uomo della strada si pone magari sfogliando il giornale e leggendo la cronaca: Serve ancora studiare? La laurea è solo un pezzo di carta?I giovani hanno diritto a reclamare i loro spazi? Chi gestisce la ricchezza in Italia? Chi sono i veri ricchi? Cosa si è trasformata la mafia?Quali sono i veri business in cui investe la criminalità?

Domande che rispecchiano il declino morale e sociale del nostro Paese dove la linea di demarcazione tra lecito e illecito è diventata talmente impercettibile che molti la superano senza problema e difficoltà.

Partendo probabilmente da queste considerazioni e conoscendo abbastanza bene la realtà giovanile d’oggi Thomas Melis ci racconta con questo romanzo una storia che forse al lettore di primo impatto può sembrare il frutto di uno scrittore piuttosto creativo e fantasioso amante del noir e del thriller, ma poi pensando alle notizie delle ultime settimane non potrà che vedere la rappresentazione amara della nostra società.

Il protagonista della nostra storia è Calisto Vizini, ufficialmente uno studente siciliano di Economia che grazie ai sacrifici della sua umile famiglia studia a Firenze. Calisto è un “terrone”, ma sogna di diventare qualcuno e quindi di essere un uomo ricco, perché per lui il vero prestigio è nei soldi, negli abiti firmati e nell’ avere accanto belle donne. Così Calisto ha scelto una “scorciatoia” per arrivare in alto insieme ai suoi”fratelli” terroni ,il Secco e il Tamagotchi: spacciare droga nelle più importanti discoteche della città e godersela. Il lettore accompagna Calisto e i suoi compagni in questo sottobosco di illegalità e di amoralità dove il piacere, il lusso sfrenato e l’abuso di droghe sono i capisaldi della vita di molto giovani che sono pronti a spendere enormi quantità di soldi pur di stordirsi e di raggiungere un illusoria ed effimera felicità Giovani di qualunque fascia sociale, il demone della droga non fa distinzione e soprattutto prigionieri.

Calisto vuole tutto e subito, non vuole essere un fallito come i suoi genitori e punta a sedersi a tavola con le persone che contano, ma intanto fa affari con i feroci criminali albanesi.

Nella vita del nostro protagonista appaiano tre donne: Beatrice, Tati e Holli. La prima è stata il suo primo Grande Amore, ragazza ricca e determinata che però alla lunga non ha accettato la seconda vita dissoluta di Calisto. Tati incarna la donna “giusta” per il mondo delle ombre in cui si consuma l’anima di Calisto e infine Holli è la giovane studentessa che può rappresentare la speranza di vita diversa e

forse migliore per il ragazzo. Le tre donne si alternano sulla scena e scandiscono in qualche modo i diversi momenti della storia tra dramma, noir e amore con sfumature erotiche.

La struttura narrativa costruita dall’autore è convincente nel complesso riuscendo a coinvolgere il lettore grazie a un atmosfera noir ben calibrata e un pathos narrativo abbastanza costante e fluido, con un calo del ritmo e dei toni verso il finale.

Il lettore segue con curiosità e trepidazione le scelte lungo la storia Calisto prenderà costantemente chiamato diviso tra legalità e illegalità e indeciso se rimanere fedele ai “fratelli” o uscire da una situazione complessa e delicata dopo che il noto boss Liggio, tramite la meditazione del Principe facoltoso cliente, di entrare a far parte di una vera operazione narcotraffico in città in cambio di avere quote di un noto locale cittadino: il Platinum.

“A un passo dalla vita” è un romanzo dove c’è poco spazio per la compassione e la pietà e invece abbandonano i tradimenti e la sete di vendetta e i vari personaggi rimangono spesso dentro una zona grigia dal punto di vista morale anche se indossano una divisa di poliziotto.

Alla fine di un travagliato, doloroso e drammatico percorso Calisto sceglie cosa fare di sé stesso, della sua vita e chi desidera avere affianco come compagna, non dimenticando però il suo passato e soprattutto il suo codice d’onore e di vendetta.

Melis usa un linguaggio semplice, diretto e incisivo che riesce a tenere il lettore incollato sulla pagina. Lo stille di scrittura è di buona qualità e nel complesso accattivante, forse tende al retorico su alcuni temi non annoiando né risultando stucchevole.

La vita è un continuo bivio di scelte e spesso i ragazzi non amanti della fatica e del lavoro scelgono la via più facile e comoda, ma non sempre quella più giusta. Leggere questo romanzo e conoscere Calisto può un buon modo per comprendere quale posizione sia più saggia e opportuna tenere nella vita

Recensione "Il volo con te" di Jessica Maccario

Il volo con te
Autore:Jessica Maccario
Editore:Self publishing 
Genere:  Romance contemporaneo 

Sinossi:
Giulia sente crollare ogni certezza quando suo marito Tommaso se ne va di casa per cercare quella libertà che in Italia gli viene negata. Ad Amsterdam riesce finalmente ad essere se stesso, ma Giulia non sa spiegare alla piccola Carlotta il motivo della sua partenza ed entra in un vortice di dolore che le fa mettere in discussione anche le scelte del passato. Grazie alla bambina, Giulia trova il coraggio per partire e affrontare una volta per tutte Tommaso. Lei, così stupidamente innamorata, e lui, irrimediabilmente gay... Tra discussioni animate e pentimenti, il passato torna prepotentemente nella vita di Giulia e il futuro si prospetta più incerto che mai. L’unica sicurezza è la sua bambina, che travolge tutti con la sua spensieratezza e le impedisce di cadere nella disperazione.
Un incontro inaspettato in aeroporto, una nuova città da esplorare e un vecchio diario sono la migliore medicina. Perché, forse, il suo cuore potrà tornare ad amare ancora...
Un romance spensierato e profondo, che mostra quanto il legame tra madre e figlia possa essere importante, e invita a cercare la luce anche quando tutto sembra andare storto...
“In volo con te” è il primo libro di una duologia romance. Il secondo titolo, “Questo viaggio è per sempre”, è incentrato su un amore che sboccia delicato e si rafforza con il tempo e la vicinanza... un amore che travolge Giulia e la fa sentire, finalmente, rinata.
RECENSIONE A CURA DI FRANCESCA GHIRIBELLI PER IL RUMORE DEI LIBRI
Una storia toccante, delicata che entra come una piuma tra i passi del cuore e ti fa riflettere ed emozionare.
Una trama apparentemente semplice, la quale però attraversa una tematica originale con saggezza e dolcezza.
Giulia, una ragazza madre di una splendida bambina di nome Carlotta, affronta il duro abbandono da parte di suo marito Tommaso.
Lui se ne è andato per sempre stavolta, mentre lei prova un amore ancora incondizionato per quell'uomo che l'ha fatta innamorare perdutamente.
Lei stessa si è sempre autoconvinta che lui potesse imparare ad amarla sul serio, ma l'ha sempre vista semplicemente come un'amica.
Una compagna di vita, ma mai come una donna da desiderare ardentemente, visto che Tommaso è gay; nonostante neanche lui abbia voluto subito dichiararlo apertamente, in fondo dentro di sé lo ha sempre saputo.
Non è mai stato bisessuale, forse ha soltanto tentato di esserlo, ma alla fine non è riuscito più a mentire alla sua famiglia.
L'unica cosa che lo ha reso felice e non rimpiangerà mai è Carlotta, avere una figlia tutta sua, insieme a Giulia.
Per lui una ragazza con cui condividere tutto, ma che non ha mai guardato come si guarda realmente una donna che si ama alla follia.
Tommaso se ne è andato ad Amsterdam, visto che una città come quella è molto più aperta alla libera sessualità al contrario di Torino.
Giulia alle prese con un lavoro in crisi riguardante la rilegatura di alcuni volumi, sente sempre più la mancanza del suo compagno e Carlotta quella di suo padre. In fondo ha sempre avuto paura di volare, ma decide per il bene di sua figlia di andare da Tommaso e riuscire a chiarire almeno in parte la situazione.
L'autrice affronta ogni personaggio con precisione e autenticità, lasciando molto spazio all'affetto che lega i tre personaggi principali.
Tommaso ha nuovi flirt, fra cui un nuovo amore di nome Luke, il quale pare inizialmente non contraccambiarlo, mentre sembra piano piano riuscire ad esaudire il suo sogno di diventare personal shopper grazie al fratello di Luke, Brent.
Ha nuove prospettive di vita e di libertà, mentre Giulia riesce ancora ad avere nostalgia di lui, per cui nutre sempre un intenso sentimento.
Tommaso è un padre perfetto e sempre presente, ma d'ora in poi dovranno ugualmente vivere lontani e affrontare la futura separazione.
La Maccario ha saputo inoltrarsi come una guida turistica fra le bellezze di Amsterdam fungendo da vero e proprio cicerone per apprezzare la sua preziosa storia artistica e culturale.
La narrazione è scorrevole e sembra veramente di essere lì con i protagonisti del romanzo, anche se la trama non è ricca di colpi di scena e forse è un pochino prolungata.
Ma l'essenza di questo libro è rappresentare un autentico romance dai toni rosa e soft, ma che ti insegna fino alla fine ad apprezzare quello che si ha e ti fa comprendere che per l'amore non esiste diversità sessuale, è soltanto universale.
Comunque sia il cuore di Giulia in parte è rimasto attratto dall'incontro casuale con Andrew durante la partenza per Amsterdam, un ex giornalista e ora scrittore di guide di viaggio, sempre in giro per il mondo.
Le anime di Andrew e Giulia si assomigliano un po', entrambi hanno sofferto e vogliono rinascere dalle loro ceneri per iniziare un nuovo percorso, così fra loro si instaurerà un legame virtuale a distanza davvero intenso.
Questo è il primo romanzo della duologia dell'autrice, spero che nel prossimo   ci siano più colpi di scena, ma ancora quella costante dolcezza che costeggia la narrazione con garbo e sensibilità.
Consiglio la lettura a chi ama il classico romance, ma anche a chi vuole trarre da un romanzo un essenziale e originale insegnamento di vita odierna.

domenica 21 dicembre 2014

Recensione "Per Sempre TU" di Veronica Scalmazzi

Per Sempre TU 
Veronica Scalmazzi 
Prezzo Kindle: EUR 1,03
Sinossi
Elizabeth vive immersa fra i suoi pensieri e ancora non sa, che il destino, ha deciso di fare la sua mossa e giocare le sue carte. 
Una ragazza e due fratelli... 
Un'amicizia che profuma d'amore e un incontro che stravolgerà per sempre la sua vita. 
Tra baci, sospiri, incomprensioni e dolore, Elizabeth imparerà che la vita non guarda in faccia nessuno, che l'amore è una ruota che gira e non sempre la direzione che prende è quella che ti aspetti. 
Una storia d'amore, una storia di amicizie, una storia vera dove il destino sarà il protagonista indiscusso e l'amore cercherà il suo lieto fine.
Un esordio con il botto. Ho conosciuto l'autrice per caso qualche mese fa e quando ho saputo da lei stessa che stava scrivendo un libro, mi sono immediatamente incuriosita.
Una storia passionale, un'amicizia unica, un amore folle. Elizabeth è magnifica. Forte e debole, dolce e amara, vera, come è la storie che racconta.

La trama ruota tutto intorno Eli e alla sua vita. L'eterna lotta tra la sofferenza e la rinascita , una storia d'amore e un destino che la lega a un ragazzo che la sconvolgerà tanto da farle mancare il fiato. 
Amore, amicizia, destino, tutto in un romance che ti colpisce l'anima, forse troppo emozionante da leggere senza riuscire a trattenere il fiato. Scorrevole, piacevole, temi attuali per una storia vera, con protagonisti veri. 

Tutto il libro è focalizzato a creare aspettative a noi lettori che secondo me, le soddisfa in pieno. Le mie di sicuro erano forti e sono state appagate con una storia che viene dall'anima e che colpisce per la semplicità. Una trama semplice, efficace. Ok, ci sono alcune imperfezioni, però chi non li commette?
Decisamente un buon esordio. Commovente, toccante, emozionante. Veronica ha una capacità di trasmettere con questo libro, delle vibrazioni straordinarie. La sua sensibilità sul certi argomento la si sente e viene trasmessa in ogni singola pagina e in ogni parola. Una storia vera carica di sentimento che ti cambierà il modo di vedere le cose. Questo romanzo entra in punta di piedi in questo mondo letterario ed entra per farsi conoscere con una sola parola AMORE. 

Recensione "La stella di Seshat" di Giorgia Penzo

La stella di Seshat: 3 (Short list) 
Giorgia Penzo 
✶TRAMA✶
Un'archeologa, un antiquario e un illusionista condividono quello che sembra un dono inspiegabile: da secoli non invecchiano, e nemmeno le malattie sembrano scalfirli.
Rebecca Fitzroy lavora per il British Museum dal 1805. Il furto di un antico manufatto da un lussuoso appartamento di Picadilly la porterà a ricongiungersi con Malachia Cherubini e Robert Drake, conosciuti durante una spedizione al tempo della regina Vittoria. 
Un enigma in caratteri geroglifici è il loro unico indizio. Quello che nasconde è il sapere supremo.
Cosa sareste disposti a sacrificare per conoscere voi stessi?
Rebecca Fitzroy è un’archeologa che lavora per il British Museum. In suo "Lavoro" è quello di scoprire i misteri che la circondano.
Lei, donna forte, intelligente e caparbia, protegge da molti anni, anzi secoli, le reliquie famose che se passassero tra le mani del genere umano avido, finirebbero per distruggere il genere umano e non solo. Dopo anni si ritroverà a risolvere un antico enigma che le faranno nascere dubbi e domande fino a quel tempo nascoste.

Come sempre lo stile dell'autrice è bellissimo. Giorgia, ha un eleganza straordinaria nel raccontate le trame che poche autrici hanno. La sua semplicità nel descrivere elementi del mondo dell'archeologia, è affascinante. 
Poche pagine scorrevoli, piacevoli, coinvolgenti nonostante i pochi capitoli. La scrittura è fluida, piacevole e semplice come piace a me e come l'autrice mi ha abituata. Un elogio all'ottima conoscenza dell'argomento, alle descrizioni e ai dialoghi. Un racconto che mi ha piacevolmente imprigionato pagina dopo pagina catturando la mia attenzione. 
Come sempre brava a Giorgia Penzo e ottima lettura che consiglio.

ESTRAZIONE MEGA GIVEAWAY NATALE

Ciao a tutti! Eccoci all'estrazione del MEGA GIVEAWAY !! 
30 autori hanno messo a disposizione i loro ebook e cartaceo e ben 33 libri saranno regalati. Mille volte grazie a tutti gli scrittori e a tutti i partecipanti. 
Oggi scoprirete gli ebook e i vincitori. Estrazione sarà fatta per ogni gruppo il sito Randon. Complimenti a tutti e buone feste Librose!
ECCO LE ESTRAZIONI . 1 SET VUOL DIRE UNA ESTRAZIONE, RANGE I NUMERI ESTRATTI  E SOTTO SET#1 IL NUMERO CHE E' STATO ESTRATTO AUTOMATICAMENTE. LE AUTRICI VI MANDERANNO LA MAIL CON I LIBRI

PACCO 1 I LIBRI ERANO "Lettere D'Amore" di Mara Fontana (cartaceo), "L'onda Scarlatta" di Barbara Risoli (Ebook) e "Black Cemetery" di Valeria Di Luca (Ebook). Partecipanti e Numeri:
Fabiana Andreozzi N 1, La Bottega Delle Arti N 2, Morgana DeLarge N 3, Chiara Bernasconi N 4, Tatiana N 5
PACCO 2 I LIBRI ERANO "Gabriel" Francesca Pace (ebook), "Toy Boy" Emanuela Torri (ebook) e "Laura e Livia" Asia Rossi (Ebook) Partecipati e Numeri:
Luce Di Stella N 1, Giusy Morciano N 2, Sella Concor N 3, Denise Nicosia N 4, Ilaria Eugeal Tomasini N 5, Un Mare Di Libri N 6
PACCO 3 I LIBRI ERANO "I custodi delle Lacrime" Simone Lari (Cartaceo), "La stella d'oro" Barbara Risoli (ebook) e "La nave di cristallo" Simona Busto (ebook) Partecipati e Numeri:
Alice Dei Rossi N 1, Jessica Ollio N 2, Roberta Carace N 3, Federica Noia N 4, Chiara Elhoyn Latini N 5, Irys Give N 6, Stefania Piemonte N 7, Ramona Bottoli N 8, Sara Martino N 9, Giulia Rizzi N 10, Ramona Bottoli N 11, Stefania Mognato N 12
PACCO 4 I LIBRI ERANO "Power" Susan Mikhaiel (ebook), La voce del sentimento" Evelin Storm (ebook) "La leggendaria guerriera" Aurora Ballarin (ebook) Partecipati e Numeri:
Sabrina Floresta N 1, Marianna Mineo N 2, Raffaele Napolitano N 3, Silvia Cross Altomiri N 4, Federica Nalbone N 5, Paola Aloap N 6.
PACCO 5  I LIBRI ERANO "Vite sospese" Alessia Litta (ebook) "I rovi del male d'inferno" Chiara Mineo (ebook) "6 gradi di separazione" Federica Nalbone(ebook)  Partecipati e Numeri:
Elena Serboli LadyLightmoon N 1, Rosa Campanile N 2, Serena Versari N 3, Cecilia Valenti N 4, Ilde Rossi N 5, Barbara Ercolei N 6, Maria Grazia Tommasini N 7, Ilary Falco N 8, Lella Rossi N 9, Elena Russiello N 10, Gemmy Carroni N 11, Pamela Viotti N 12, Giusy N 13, Marzia Cinquepalmi N 14, Daniela Baserga N 15, Arianna Cosentino N 16, Daniela N 17, rosy martorana N 18.

PACCO 6  I LIBRI ERANO "I dissidenti" Sara Mazzini (ebook), "In volo per te" Jessica Maccario (ebook) e "Fil Rouge" Ornella Calcagnile (ebook) Partecipati e Numeri:
Francesca Ghiribelli N 1, Chiara Comi N 2, Licia Vichi N 3, Valentina Gregori N 4, Valentina Gregori N 5, Anita Give N 6, Veronica Lucia Feola N 7, Luisa Mattana N 8
PACCO 7  I LIBRI SONO "Il cerchio di Numen" Clio (ebook)"La leggendaria guerriera" Aurora Ballarin (ebook), "Parigi Amore e disastri" Marta Savarino (ebook)  Partecipati e Numeri:
Valentina Camarda N 1, Carla Zubelli N 2, Chiara Iuccy Linaioli N 3, Giulia Borgato N 4, Patrizia Schiavone N 5, Germana Collivignarelli N 6, Francesca Ballanti N 7, Monica Roiati N 8, Patrizia Boschetti N 9, Coco Give N 10, Sara Petrullo N 11, Roberta Savoi N 12, Marylina Mauro N 13, Luana S. Straw N 14, Rucsandra Ariella E'felice N 15, Giada Cordì N 16, Mariana Porretta N 17, Coco Give N 18, Principia Larocca N 19, Kotoko's Love N 20,  Federica C. N 21, Irene Iacobini N 22,  Marylina Mauro N 23, Anna de Lorenzo N 24, Nikita Olivares N 25
PACCO 8  I LIBRI SONO "Eredità del Serpente" Diletta Brizzi (ebook), "Resta con me" Jenny Anastan (ebook), "Il cuore e la maschera" Daniela Jannuzzi (ebook) Partecipati e Numeri:
Chiara Ballariano N 1, Teresa Macchia N 2, Katy Policante N 3, Milù Bijoux N 4, Consuelo Cedioli N 5, Jane Tempest N 6, Evelyn Storm N 7, Marialice Pompilii N 8, Alessia Ghezzi N 9, Jane Tempest N 10, Simona Todaro N 11, Venere Give N 12, Erika Cotza N 13, Cristina Calligalli N 14, Cristina Calligalli N 15
PACCO 9 I LIBRI SONO "Take me Hell" Diletta Brizzi (cartaceo), "Come il vento per una girandola" di Nadia Filippini (Ebook), "Dove comincia tutto" Irene Pastorelli
(ebook) Partecipati e Numeri:
Marinella Pattz Collio N 1, Alessandra Paoloni N 2, Maria Teresa N 3, Foschia Settantacinque N 4, Il Mondo di Dru N 5, Carmela Barca N 6
PACCO 10  I LIBRI SONO "Sensuali tentazioni" Fabiola D'Amico (ebook), "L'uragano dentro me" di Rhoma G. (ebook)  "Il cielo oscuro di Roma" Ilaria Tomasini(Ebook) 
Sara Santuccione N 1, Barbara Maldera N 2, Sara Giordano N 3, Sabrina Pes N 4, Stefania Lizzio N 5, Sara D. N 6, Simona Zefilippo N 7, Ines Ieranò N 8
PACCO 11  I LIBRI SONO “Playing with daggers” Eva Fairwald (ebook), "Cuori Coraggiosi" Samantha L'Ile (ebook)  e "Innocenza della guerra" Antonio Goodreads (ebook) Partecipati e Numeri:
Sara Rossetti N 1, Maila Dondi N 2, Giusy Iodice N 3, Roberta Gaspari N 4, Bianca Cataldi N 5, Miriam Mastrovito N 6, Anna Corso N 7, Tiziana Quinto N 8, Monica Schianchi N 9, Cinzia Catalucci N 10, Angela Zambon N 11, Maddalena Cafaro N 12, Eleonora Elena Rosato N 13, Maddalena Castaldo N 14, Alessia Litta N 15, Enrica Coppa N 16, Cristiana Christiana V Verazzo N 17, Veronica Gori N 18
COMPLIMENTI A TUTTI!!

sabato 20 dicembre 2014

Il weekend degli estratti...

Ciao a tutti e buon sabato. Oggi inauguriamo una nuova rubrica. Il weekend degli estratti. Di cosa si tratta? Ogni venerdì metteremo sul gruppo Il Rumore dei Libri, un post dove inviteremo gli autori a posare degli estratti dei loro libri. Accumuleremo le varie immagini e le metteremo di sabato qui sul blog. Vi ricordo che tutti i libri sono acquistabili sugli store Amazon, Kobo ecc.
Quindi, che aspettate? Vi aspettiamo nel gruppo!

Ilaria Tomasini "Il Cielo Oscuro di Roma"

Sara Purpura "Il dono della felicità"

Serena Versari "L'arpeggio del cuore"

Ornella Calcagnile "Helena"
Cassian sembrò calmarsi. «È stata una bella mossa tornare da me, sarei venuto a cercarti e questa volta niente mi avrebbe trattenuto da uccidere i tuoi amichetti», fece un sorriso sghembo e maligno.
«Lo so, un po’ ti conosco ormai», ammisi.
«E mi conoscerai sempre più», rispose lui divertito. 
In un lampo me lo trovai addosso, una mano si posò sulla mia, quella che teneva il pezzo di legno nascosto dietro la schiena,mentre l’altra mi cinse posandosi sulla mia schiena lasciata nuda dal vestito.
«Questo non ti servirà», dichiarò, lanciando il paletto verso il camino spento. Sempre avvinghiato a me, mi prese il viso con una mano, lo tenne fermo e mi baciò con talmente tanta foga che pensavo volesse soffocarmi. Non feci resistenza, non risposi, in un certo senso abbandonai il mio corpo in quell’istante. 
Fu il bacio più doloroso della mia vita.

Silvia Castellano "Amethyst"

Nadia Filippini "Come il vento per una girandola"

"La nave di cristallo" di Simona Busto (Ellinor Rainwater su facebook)
Behariel rise. «Ero un angelo, e sono stato un demone, ora sono il re del mio inferno.
Comando invece di ubbidire, c’è qualcosa che ti disturba o ti sembra sbagliato in questo?»
«Comandi su quello che ti hanno lasciato, demone. Satana ti ha concesso i suoi scarti.
Credi forse che non sappia perché vuoi a tutti i costi quella ragazza?»
«Il cacciatore l’ha scelta nel giorno a lui riservato, quindi è nostra.»
Fu Ellinor a ridere stavolta. «Sei tu che scegli. Il cacciatore non conta molto, è solo un volgare traghettatore di anime. La vuoi perché sai di chi è il sigillo. È stato lui a farti cacciare, il tuo amato fratello. Questa è la tua vendetta. Ecco l’unico motivo per cui hai deciso di avere a tutti i costi Megan. O c’è dell’altro?»
Behariel toccò uno dei gargoyle, lo accarezzò come si fa coi cani. «Non interessarti alle mie ragioni. Sappi che mio fratello dimostra di tenere molto anche a te, quindi potresti essere una preda abbastanza interessante.»

Giovanna Mazzilli " L'ombra della Lupa"

Fabiola D'Amico "Il cavaliere senza nome"
Rosalinda sfiorò i muscoli possenti del giovane cavaliere. Intendeva dare il meglio di se stessa, la regina le aveva raccomandato di mostrarsi compiacente verso di lui. Non sarebbe stato difficile farlo, il giovane aveva un aspetto virile e molto attraente. Si chinò sul suo capo, aspirando il profumo dei capelli che scendevano appena sulla nuca. Erano neri come l’ala di un corvo, così in contrasto con gli occhi verdi. O forse celesti! Non sapeva definire il colore particolare di quello sguardo. Acquattata nel suo angolo, quando il giovane era entrato nella stanza da bagno, aveva osservato bene il pupillo del padrone. Alto e fiero aveva attraversato la stanza senza curarsi di nessuno. Se le voci che giravano erano vere, tutto in lui era un mistero.
Un grido riecheggiò nella sala. L’ancella sobbalzò, le mani abbandonarono la presa sul corpo muscoloso.
L’ancella riprese con più passione il suo compito. Si dedicò alla fronte ampia, avendo cura di spostare le ciocche ribelli che gli cadevano sugli occhi celati da lunghe e folte ciglia. Il suo sguardo però fu presto attratto dalla figura armoniosa dell’uomo. Le gambe lunghe e tornite si distesero sotto il pelo dell’acqua e il petto villoso cominciò a sollevarsi al ritmo del respiro lento. il torace era muscoloso. sarebbe stato molto eccitante toccare ogni centimetro di quella pelle. Sì, non avrebbe avuto remore a occuparsi di lui. Il suo tocco era lieve ma determinato. Sotto le dita avvertiva una tensione latente. Sciolse un muscolo sul collo e carezzò una vena sulla tempia che pulsava più forte delle altre. Sfiorò il naso dritto e la bocca carnosa. Un tremito di desiderio la sconvolse. Sospirò d’infelicità, nella vita di quel giovane non c’era posto per un’ancella come lei.

Marta Savarino "Parigi, amore e altri disastri" 
"Andrea la guardava senza riuscire a dire niente. Era la persona più incoerente e folle con cui avesse mai avuto a che fare in vita sua. Prima di poter replicare Nadia gli aveva già voltato le spalle e se n’era andata. Questa volta senza fretta, senza correre e fuggire da lui ma era come se lo stesse facendo di nuovo.
Andrea la osservò sparire tra la folla fino a quando non riuscì più a vederla. Scosse la testa, incredulo da tanta cocciutaggine.
«Ti amo anche io, stupida ragazza che non sei altro. Ti amo anche io…» mormorò tra sé. 
Non voleva correrle dietro, non sarebbe servito a nulla e stava cominciando a pensare se non fosse davvero il caso di mandarla a quel paese e lasciar perdere tutto. Affondò le mani nelle tasche dei jeans e rimase ancora qualche istante con lo sguardo fisso sulla gente che camminava.
Dal suo punto di vista quella situazione era incredibile, rasentava la follia. Dopotutto quando due persone si amavano come si amavano loro, non potevano semplicemente stare insieme senza tante storie e complicazioni?
Scosse la testa, non sapeva se essere triste o incazzato ma propendeva per la seconda opzione. Aveva bisogno di una sigaretta e di una birra, ma anche e soprattutto di pensare con calma su cosa poteva ancora tentare di fare… "

Raffaele Napolitano "L'amore si fa in quattro"
Piccoli estratti della finale di Calcio Storico Fiorentino ... 
“Sofia era intenta a seguire con lo sguardo i movimenti diLorenzo e di Christian, senza curarsi più di tanto delle vere azioni di gioco e storcendo il viso ogni volta che prendessero un
brutto colpo.”
“A ogni colpo che Lorenzo subiva, sentiva il proprio corpo trasalire come se stesse condividendo il suo stesso dolore. Non riusciva più a sopportare quella vista. Maledì Michela, che l’aveva convinta ad assistere a quella tortura, e se stessa che soffriva per l’individuo che aveva tradito il suo amore.”
“Lorenzo si pulì il rigo di sangue che gli scorreva dalla bocca. Sangue e sabbia si mischiavano sul campo, come se fossero gladiatori in un’arena da combattimento. A differenza di loro, non combattevano per la libertà, ma per la loro città, il loro quartiere, la loro donna.”

Aurora Ballarin "La leggendaria Guerriera"

Silvia Devitofrancesco "Lo specchio del tempo"
"Questo folle uomo mi sta facendo tornare la gioia di vivere, quella gioia che 
avevo perso alla vista del corpo di mia madre privo di vita e che era 
stata sostituita, col tempo, da semplice gioia. Esiste una profonda, ma 
ineffabile, differenza tra la gioia e la gioia di vivere e sono pochi 
coloro i quali riescono a coglierla. La gioia è solo un aspetto 
esteriore, quasi un accessorio posto sul nostro corpo, mentre la Gioia 
di vivere, quella con la G maiuscola, è un modo di essere, una parte 
dell’essenza dell’individuo. È un qualcosa che si sente dentro."

Giorgia Penzo "Asphodel"

Quanti bei estrattini vero? Sabato, sono certa c'è ne saranno ancora di più! Buon Weekend a tutti. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...