Giveaway

Le immagini dei teaser non sono nostre e non ci guadagnamo da esse. Tutti i diritti appartengono ai proprietari.

martedì 29 aprile 2014

Presentazione Nel cerchio del tempo di Liliana Fiume

Buonasera a tutti. Stasera vi presentiamo una nuovissima autrice Liliana Fiume e il suo fantasy di esordio Nel cerchio del tempo.
Titolo: Nel cerchio del tempo
Autore: Liliana Fiume
Editore: Narcissus Selfpublishing
Genere: Fantasy/Science-fantasy
Pagine: 240
Pubblicazione: 24 aprile 2014
Formato: solo e book
Prezzo: € 2,99 Amazon
Un re oppresso da un’oscura maledizione. Una donna che non ha mai conosciuto l’amore. 
Sulle rovine di un’antica civiltà sorge il loro regno, fondato su un terribile segreto.  
E mentre complotti e lotte di potere dilaniano il paese, una serie di morti misteriose insanguina la capitale preannunciando un pericolo ancora più grande: dalle viscere della terra, dov’è rimasto nascosto per mille anni, il male è risalito in superficie …
Ferito, inerme, tradito nei suoi affetti più cari, re Kronos sfiderà il destino e ingannerà perfino la morte nel disperato tentativo di salvare il suo popolo. 
Le forze in campo sono impari, la lotta senza esclusione di colpi, il destino del mondo si giocherà in un’ultima partita dall’esito incerto. 
Intrighi, tradimenti, segreti e passioni s’intrecciano in una storia dall’ampio respiro, epica e nello stesso tempo romantica e sensuale. 

Biografia
Liliana Fiume è sempre stata un’accanita lettrice e da qualche tempo coltiva la passione per la scrittura. Creare storie, intrecci, personaggi è una cosa che le dà gioia e spera di comunicarla a chi legge.
Con il racconto di genere fantastico“La rabbia del Likaon” ha vinto il concorso della Leggere Editore per aspiranti autrici nel 2011. 
Nel 2013 è stata finalista nel concorso Salento in love col racconto storico “Il giardino dei melograni” pubblicato da Libro Aperto Edizioni nell’omonima antologia digitale. 
Finalista nella rassegna romantic suspense Senza fiato col racconto di ambientazione contemporanea “Shadow” di prossima pubblicazione.
Ha creato i blog: www.ricetteeracconti.blogspot.it  e 
www.nelcerchiodeltempo.blogspot.it 
“Nel cerchio del tempo” è il suo romanzo di esordio.

Estratto
Quella notte Kronos si svegliò di soprassalto, col cuore che batteva all’impazzata e la gola inaridita. Respirò profondamente, a più riprese, per calmarsi. Per quanto si sforzasse non riusciva a ricordare il sogno, eppure la minaccia evocata era reale, la percezione di pericolo così intensa da fargli accapponare la pelle.
In sincronia col ritmo violento del suo sangue la piaga sulla guancia pulsava come una cosa viva. E in fondo lo era. Era parte di lui.
A ogni risveglio quell’oscura eredità del passato tornava a ossessionarlo e istintivamente l’accarezzò, nel vano tentativo di mitigare il dolore crescente.
“Dannazione” sibilò fra i denti e serrò le mascelle, strizzando gli occhi colmi di lacrime. A volte la sofferenza che gl’infliggeva era intensa e bruciante, come adesso, altre volte si riduceva a un palpitare quasi gentile … comunque fosse non gli permetteva di dimenticarla. Mai. Come se possedesse una volontà propria che non rinunciava a tormentarlo. 
Si sforzò d’ignorarla, come gli era stato insegnato, ma era sempre più difficile ignorare la pena d’una vita intera. “Per un kroll il dolore non esiste, il freddo non esiste, la paura non esiste. Dimenticateli!” era quello che si ripeteva fino alla nausea a tutti i guerrieri fin dall’infanzia e lui non era un soldato qualsiasi, era il re.  D’altro canto, però, lei non gli faceva solo del male: quando lo risvegliava così bruscamente era per avvertirlo che c’erano guai in arrivo.
Allora strinse i pugni e con uno sforzo di volontà fu in piedi.
Si vestì in fretta, al buio, per non svegliare suo nipote Yarikadros che dormiva nella tenda accanto. Avvolto in un lungo mantello scuro, il cappuccio calato sul viso pallido e tirato,  si allontanò dal padiglione reale scivolando come un’ombra indistinta fra le sentinelle di guardia.

lunedì 28 aprile 2014

Iniziativa ISPIRAZIONE PURA antologia Il Rumore dei Libri e Le passioni diBrully

Ciao a tutti! Oggi vi proponiamo un’iniziativa un po’ particolare.
I Blog  Il Rumore dei Libri,  Le passioni diBrully hanno deciso di proporre un progetto carinissimo visto il successo delle precedenti antologie.
Ve le ricordate? Potete scaricarli gratuitamente cliccando il nome dell'antologia.                            
Questa volta abbiamo deciso di mettere delle cover fatte da noi come ispirazione. Ognuno di voi dovrà scegliere quella che più ha colpito il proprio interesse e scrivere un racconto.
Il genere a vostra scelta,  urban fantasy, favole, fiabe, romance, gotico, reali o non.
Massima libertà. Per un limiti di lunghezza di 15 pagine in A5 .  Ogni autore può mandare un solo racconto. Se più racconti vengono ispirati dalla stessa cover saranno inseriti in ordine di arrivo. L'antologia si chiamerà ISPIRAZIONE PURA . I titoli delle cover saranno sostituite con i vostri titoli.

REGOLE
Il racconto deve avere un titolo.
L'autore deve specificare la cover ispiratrice.
Massimo di 15 pagine in A5,  times 12,  interlinea 1.5

Per partecipare basta mandare una mail agli indirizzi: ilrumoredelsangue.libri@hotmail.it oppure stellinabella9290@hotmail.it inserendo come oggetto: Ispirazione pura .
Nella mail dovete scrivere Nome, Cognome, breve biografia e il acconsentite al download su Amazon gratuito.
I racconti devono pervenire entro e non oltre il 10 Luglio 2014.  Tutti i racconti verranno inseriti in una raccolta scaricabile gratuitamente con tanto di pubblicità sull’autore/autrice e sulle opere da lui/lei scritte.
Ma non è finita qui. Il racconto che il comitato segreto riterrà il più bello, sarà pubblicizzato per un mese dai blog .  In più l’autore se ha già in attivo altre opere, gli sarà dedicato lo spazio nella rivista Eclettica, scaricabile on line, nella rublica emergenti/esordienti a cura di Lidia O nel mese di Luglio.

Che cosa aspettate? Iniziate a scrivere! 


Presentazione "Mondo Uno Cofanetto" di Andrea Zanotti

Ciao a tutti! Oggi vi presento un nuovo autore Andrea Zanotti e il suo Mondo Uno Cofanetto. Un fantasy insolito dove non troverete le solite razze , ma diversi phanteon degli uomini ad alimentare la parte fantastica.
Mondo Uno Cofanetto
Andrea Zanotti
Genere: Fantascienza , Fantasy, Epica
Prezzo: 3,99
altri blog 
SINTESI
Per festeggiare gli oltre 10.000 download esce il cofanetto “Mondo Uno”, primo tassello del progetto “InfinitiMondi”. Comprende la trilogia composta da:
Forze Ancestrali
La Regina Nulla

Presentazione "Darag Fenyx e la pergamena di Cristallo" di E.M.Z.

Ciao a tutti e buon inizio settimana! Oggi vi presentiamo un nuovo autore E.M.Z. e il suo Darag Fenyx e la pergamena di Cristallo un'avventura fantasy all'italiana. 
Darag Fenyx e la pergamena di Cristallo
E.M.Z. (Autore)
Prezzo Kindle: EUR 0,92
Twitter #emzdlt 
Sinossi
IN QUINTA POSIZIONE PER DUE SETTIMANE NELLA CLASSIFICA FANTASY 
PIU' DI UN MESE NELLA TOP 100 DELLA CLASSIFICA AVVENTURA 

Dalle ceneri di una leggendaria battaglia, un antico nemico risorge. 
Un ragazzo dotato di abilità magiche scopre di essere uno dei quattro maghi più potenti al mondo. Appreso il ritorno delle forze del male, Darag Fenyx andrà alla ricerca dei suoi tre compagni magici, per combattere l'oscuro signore più temuto nella storia. Non sarà un viaggio facile né breve, e Darag scoprirà che essere un Cavaliere Incantato porta a molte responsabilità. Ma non sarà solo: con lui ci sarà un gruppo di giovani guerrieri magici che lo accompagnerà per tutto il viaggio, e poiché verranno a conoscenza dell'esistenza della pergamena di cristallo, capiranno che l'avventura sarà una corsa contro il tempo. Darag inizierà a scoprire chi è realmente, e che solo il coraggio potrà aiutarlo nella sua impresa. 
Il gruppo affronterà pericoli di ogni genere; dovranno fare delle scelte e combattere un nemico che sembra invincibile. Nella via dell'eroe ci sono insidie in ogni angolo, ma Darag potrà contare su degli ottimi alleati, ma soprattutto su dei fantastici amici. 

Humor: 
«G-grazie» balbettò imbarazzato. «Detto da un Cavaliere Incantato è una grande cosa». 
«Non fartela addosso dall’emozione» 

Avventura: 
«Mentre stiamo parlando, a Mitical le forze oscure si stanno risvegliando… e il mondo ha bisogno di nuovo dei Cavalieri Incantati». 

Dramma: 
Il Vadrok sorrise. 
«Sta’ zitto vecchio! Preoccupati invece della ragazza che sta crepando!» 

Magia: 
«Ehm, Wade. Hai sbagliato qualcosa!» 
«Non è colpa mia!» disse il ragazzo agitato, la bacchetta che tremava. «L’incantesimo è quello giusto! Perché cavolo non funziona!» 

Tutto questo nel primo volume delle avventure di Darag Fenyx 

venerdì 25 aprile 2014

Recensione Il marchio (Collana Erotika) di Aurora D'Evals edito Runa Editrice

Il marchio (Collana Erotika) 
Aurora D'Evals (Autore)
Prezzo Kindle: EUR 4,99
Sinossi
“...non mi rendevo conto che il guinzaglio ha due capi, e chi lo tiene in mano non è meno prigioniero di chi lo porta al collo.”
Sara e Ginko non potrebbero essere più diversi: lei, figlia di ricchi borghesi, giovane, carina, educata, con un futuro assicurato, lui di professione tatuatore, musicista heavy metal, figlio di nessuno, indipendente e dal forte carattere. Niente li accomuna, niente li lega.
Eppure dal loro incontro fortuito nasce improvvisa e fortissima un’attrazione irresistibile, perché Sara è una slave, una sottomessa, e Ginko un master, il dominatore che prenderà subito in mano le redini della sua vita e darà loro il deciso strattone che Sara attende da sempre.
Per lui la brava bambina di papà rivolterà completamente la sua esistenza, seguendo i propri impulsi e la propria vera natura, legata a un guinzaglio invisibile, fatto d’amore e di erotismo travolgente, che la porteranno a esplorare territori sempre più lontani, sempre più pericolosi, fino a conoscere i propri limiti, quelli oltre i quali il suo guinzaglio non può tendersi. Perché un guinzaglio ha due estremità, e chi lo tiene in pugno non è meno prigioniero di chi ne viene guidato.
Ginko non è meno succube della sua slave di quanto lei lo sia di lui, in un rapporto di simbiosi nel quale ciascuno dei due ha bisogno dell’altro, per realizzare la propria natura segreta e reale.
E, quando questo guinzaglio finirà per spezzarsi, le conseguenze saranno imprevedibili, per entrambe le sue estremità.
Sara è una ragazza per bene. Ha un bel lavoro, è ricca ed è bella. Giancarlo-Ginko, è un tatuatore. I due hanno una cosa in comune, una perversione che gli accomuna... amano n dolore.
Ginko è un Master e lei una Schiava. Lei annoiata e stanca dei soliti amori smielati, quando incontra l'uomo nasce una pericolosa quanto eccitante attrazione che sfocia in delirio di trasgressione, dolore e in fine amore.
Un amore estremo, violento, psicologico di due protagonisti che vogliono e pretendono questo. La descrizione è chiara, un desiderio morboso di essere sottomessa e di sottomettere senza cadere nel masochismo o nella violenza fisica senza consenso.
Non pensate minimamente a "cinquanta sfumature" questo romanzo è tutt'altra cosa. Qui si parla di amore sotto un'altro occhio. Niente di artificioso sono solo due persone che amano quello che fanno, due persone normali a cui piace la trasgressione che spinge al limite.
Nonostante in tema toccato, non è volgare con un finale scontato ma dovuto.

Ammetto che quando mi propongono questi libri sono sempre abbastanza dubbiosa per vari motivi. Ultimamente mi è capitato di leggerne parecchi e su una media di dieci libri me ne sono piaciuti si e no tre. 
Il marchio, è diverso da quello che ho letto fin'ora. Qui c'è una carica di emozioni, di sentimenti e di sensualità, che ti affascina già dalle prime battute.
Una ventata di originalità in un genere che va così tanto di moda in questo periodo. 
Ottima scrittura, ottimo approccio a un tema forte. Mi è piaciuta la descrizione di Sara sicura di se stessa. Storia narrata in prima persona che da a chi legge il modo di immedesimarsi anche se a volte difficile per il tema.
Lettura scorrevole, piacevole e fluida. 
Consiglio a tutti quelli che amano il genere e a chi ha voglia di scoprire nuovi orizzonti questo bellissimo, affascinante, trasgressivo libro.

Presentazione "Versi irrequieti di un mese piovoso" di Dario Tagliamacco

Buon 25 aprile. Oggi vi presentiamo una raccolta di poesia distorta dalla Collana "InVersi" in uscita il 28 Aprile 2014 intitolata "Versi Irrequieti di un mese piovoso" edito Genesis Publishing
Versi irrequieti di un mese piovoso
Dario Tagliamacco
COLLANA: InVersi [IN USCITA IL 28 APRILE 2014!]
GENERE:  Poetico
PREZZO: € 2,90
PAGINE: 40
ANNO: 2014
ISBN: 978-88-98769-28-5
Raccolta di trentuno poesie, come i giorni di un mese, che spaziano su svariati argomenti. Il tema di fondo è il malessere serpeggiante nella società moderna, parole di gusto malinconico che raccontano i sentimenti altalenanti di un un'anima irrequieta.


DARIO TAGLIAMACCONato a Torino, laureato in Dams, suona il basso e canta in una metal band con la quale ha pubblicato dei cd. Grande appassionato di scrittura con tanta voglia di sperimentare. Le sue parole descrivono una realtà distorta, il suo pensiero cerca di fuggire in territori surreali, estremi e metafisici. La provocazione è presente nei suoi versi, gioca con i significati per parlare di problemi esistenziali e tristezze dell'animo. Appassionato di teatro, suona con diversi artisti teatrali. Attualmente è laureando in Comunicazione Interculturale.

mercoledì 23 aprile 2014

"Cacciatori di fantasmi" di Fabio Monteduro su Rai Tg2

Tg2 RAI presenta: "Cacciatori di fantasmi"
 Lunedì 28 aprile, dalle ore 10:00 nel corso della rubrica "Tg2 Insieme", sarà presentato il nuovo romanzo di Fabio Monteduro "Cacciatori di fantasmi", uscito lo scorso 15 aprile per Runa Editrice.
L'autore sarà ospite in studio e in collegamento dagli studi RAI di Milano la partecipazione di Mirko Barbaglia Fondatore Ght del Ghost Hunters Team, che ha impreziosito il volume con la sua interessantissima prefazione.

Lottiamo per la nostra stessa vita, faccia a faccia con i nostri peggiori incubi. Corriamo tutti verso un dirupo... che ci divorerà!
Sinossi del libro
Tutto ha inizio, da quel che ci è dato sapere, davanti al cancello di una grande villa di campagna, è lì che si consuma una morte assolutamente inaspettata quanto assurda. Da questo inspiegabile suicidio si diramano le angoscianti vicende del romanzo. Tra i protagonisti, Matteo, il cui sogno è di diventare un regista di film horror. Andrea, lasciato dalla moglie il giorno della nascita della loro bambina, tanto appassionato di sovrannaturale da possedere tutti gli strumenti per la rilevazione di entità spiritiche. Sarà l’incontro tra questi due personaggi che farà nascere l’idea di diventare cacciatori di fantasmi. E ancora, Emma, la sorella di Andrea, traumatizzata da certi avvenimenti accaduti loro da bambini durante una vacanza, sembra avere particolari poteri da medium. Alicia, una ragazza peruviana, laureata in psichiatria, pertanto refrattaria alle idee dei suoi “nuovi” amici. Su tutti si ergono tre inquietanti presenze: Erwin Kanvans, stimato psichiatra, autore di libri didattici che, improvvisamente, mette in discussione i fondamenti della psichiatria. Il S.Cataldo, un ex manicomio abbandonato da oltre trent’anni dopo una notte di terrore. Per finire, Fatima Gutiérrez, una levatrice chiamata, per ragioni misteriose, la Santa mammana. Gli improvvisati “cacciatori di fantasmi” si troveranno a lottare per le loro stesse vite, trovandosi, ben presto, faccia a faccia coi loro peggiori incubi.

Dalla prefazione del Ghost Hunters Team
 Cali improvvisi di temperatura, spostamento di oggetti, ombre fugaci e vere e proprie apparizioni sono solo alcune delle segnalazioni che molto spesso vengono associate ai più svariati siti: dagli antichi Castelli, alle Ville disabitate, agli ex sanatori, fino ad arrivare alle abitazioni private e moderne; nessun luogo è escluso e potrebbe essere teatro di un fenomeno inspiegabile. Ecco che allora il Cacciatore di Fantasmi, armato della sua attrezzatura, si avvia verso l’ignoto! Sì, perché, in questo tipo di indagini, non si può mai sapere cosa aspettarsi: si può riuscire a dare una spiegazione razionale alle segnalazioni, oppure ci si può trovare realmente di fronte a qualcosa di assolutamente inspiegabile! E quest’ultima situazione è proprio quella che vivranno i protagonisti di questo romanzo che non solo diverte e spaventa (a tal proposito consigliamo la lettura in orario serale!) ma riesce anche a dare uno sguardo preciso e veritiero sull’attività reale del moderno Ghost Hunter, sapientemente descritta dall’amico Fabio Monteduro.
Se quindi in futuro sentirete degli strani rumori in casa vostra, vi accorgerete magari di un oggetto inspiegabilmente spostato o di una luce che eravate convinti di aver lasciato spenta e invece ritrovate accesa, fermatevi un momento a riflettere bene, magari si tratta solo di distrazione o forse, anche voi, avete bisogno dell’intervento di un Ghost Hunter!
Mirko Barbaglia
fondatore del Ghost Hunters Team

L’autore
Fabio Monteduro romano, classe ‘63. Autore di romanzi sempre in bilico tra il thriller e l’horror, in quella particolare zona d’ombra dove la differenza tra il reale e il fantasioso, è sempre più labile.
Cacciatori di Fantasmi è la sua ottava pubblicazione.
Dello stesso autore:
So chi sei ...ed altre ossessioni (2004); Avamposto dell’Inferno (2005); Anima Nera (2008); Jodi (2010); Zona di Frontiera (2011); Otto Minuti a Mezzanotte (2011); Dove le Strade non hanno Nome (2012).
Il suo blog: www.montedurofabio.altervista.org
Facebook:  www.facebook.com/fabio.monteduro

Presentazione La stella di Seshat: 3 (Short list) di Giorgia Penzo

Ciao a tutti vi presentiamo il racconto che si è classificato al terzo posto nella prima edizione del concorso letterario SEMantica22 indetto da SEM Edizioni. La stella di Seshat fa parte della collana Short List della casa editrice di Giorgia Penzo.
La stella di Seshat: 3 (Short list) 
Giorgia Penzo 
✶TRAMA✶
Un'archeologa, un antiquario e un illusionista condividono quello che sembra un dono inspiegabile: da secoli non invecchiano, e nemmeno le malattie sembrano scalfirli.
Rebecca Fitzroy lavora per il British Museum dal 1805. Il furto di un antico manufatto da un lussuoso appartamento di Picadilly la porterà a ricongiungersi con Malachia Cherubini e Robert Drake, conosciuti durante una spedizione al tempo della regina Vittoria. 
Un enigma in caratteri geroglifici è il loro unico indizio. Quello che nasconde è il sapere supremo.
Cosa sareste disposti a sacrificare per conoscere voi stessi?
✶ESTRATTO✶
Longevi, ci chiamavamo tra noi. Eravamo una sorta di Dorian Gray ambulanti senza un ritratto marcescente in soffitta e, durante i secoli, avevamo collezionato i più stravaganti epiteti: streghe, vampiri, angeli, demoni, doppelgänger. 
Non avremmo mai conosciuto le gioie della maternità o della paternità, poiché i nostri figli morivano – senza eccezioni – appena venuti alla luce. Avremmo potuto tentare all’infinito, accontentarci di sentire per nove mesi i loro calci ovattati attraverso la pelle del ventre, per poi dover accettare di vederli spegnersi appena fatto capolino nel mondo. 
Avevo seppellito tre figli, tutti nati morti alle prime avvisaglie di autunni distanti vite intere l’uno dell’altro. Alcune sere percepivo ancora la sensazione asfissiante della terra bagnata sotto le unghie. Temere che la propria creatura, di cui non hai mai udito il pianto, possa sentire freddo sotto la terra è il primo segnale di una follia disperata. 
Scavare tra le lacrime per riabbracciare quel corpo inerme e bianco, che non è mai stato vivo se non nel buio del tuo grembo, e poi desistere in un barlume di lucidità è un’esperienza straziante. Si rimane con un pugno di fango in mano, la gola stretta dall’angoscia e il cuore vuoto.
Ho sentito tre figli crescere e perire dentro di me. E se fossi così folle da riprovarci, un quarto, un quinto e un sesto mi farebbero singhiozzare dalla gioia e poco dopo dal tormento. Così sarà per sempre. È una delle mie tante condanne.
Malachia, Robert e io non potevamo dirci amici. Tuttavia lo eravamo, quasi inevitabilmente, per una serie di eventi e per la maledizione che ci univa. 
Nella mia lunga carriera ne avevo profanati di sarcofagi, templi e necropoli. Così innumerevoli, che ormai avevo perso il conto. Eppure, con tutti gli anatemi che mi ero tirata addosso, nessuno di questi era ancora riuscito a farmi apprezzare quello sotto il quale ero nata.

domenica 20 aprile 2014

Recensione "Pidgin" di Prisca Turazzi

Pidgin 
Prisca Turazzi 
Prezzo Kindle: EUR 0,89
Sinossi
Castelmassa, una piccola cittadina della provincia di Rovigo. Lorenzo è tornato a casa dai genitori, appesantito dalla sensazione di aver perso la direzione. Gli studi, gli amici: niente lo stimola più. Finché un giorno passeggiando sull'argine del Po non incontra Gabriela, una ragazza misteriosa e infinitamente triste. Si avvicineranno e si feriranno, a ostacolarli ci sarà quell'incomprensione di fondo che Lorenzo non sa come superare.
Pidgin è un breve racconto che parla delle diversità delle persone.
Gabriella è una ragazza con molto problemi. Incontra Lorenzo per caso e per quest’ultimo è amore a prima vista. Il ragazzo però non sa che Gabri ha la sindrome di Asperger, una forma di autismo che la fa chiudere in se stessa.  Dopo diversi tentativi per avvicinarsi a lei, Lorenzo aiuta la ragazza ad aprirsi e a provare un sentimento verso di lui.

Diciamo che questo breve racconto è diverso dal genere che a me personalmente piace. Scritto bene, personaggi perfetti, ha delle piccole lacune su certe descrizioni, mi sarei aspettata un approfondimento sulla malattia, sul sentimento forte dei due ragazzi e sui rapporti di Lorenzo con padre che lo ha abbandonato. Nonostante questo mi è piaciuto l’ho trovato molto carino, veloce e diretto. 

Ho trovato interessante i vari passaggi della storia dei due protagonisti. Il ritmo è incalzante e secondo me potrebbe diventare un bellissimo romanzo su come si può amare chiunque anche la persona meno probabile del mondo, perché la diversità non uccide ma aiuta a crescere e ha capire che l’amore non ha confini. 
Come sempre bellissima cover di Violet Nightfall.
Consiglio questo breve racconto a chi crede nei buoni sentimenti.

Recensione "You God" di Annarita Petrino

Titolo You God
Autore Annarita Petrino
Per i link : 
Pagina FB: Facebook 
Sito editore: www.edizioniilpapavero 
Il libro è in vendita al costo di 6 euro presso la Libreria Cattolica di Teramo, il sito dell'editore e le principali librerie online come  ibs

"You God" - due immaginarie Basiliche agli estremi di Via della Conciliazione. Due uomini che stanno per morire. Due dialoghi su quello che succede dopo la morte. Uno incontra You God, un enorme robot frutto dell'ingegno e della scienza umane, che lo informa che dopo la morte la sua coscienza sarà in lui conervata per sempre. L'altro incontra il Crocifisso e in un dialogo muto viene confortato sulla vita dopo la morte. 

"Imperfezioni" - due storie parallele unite dal personaggio di Padre Alexander, un sacerdote che viaggia in automobile, invece di usare il teletrasporto. Rosemary Artworth, una ragazza geneticamente perfetta nata a seguito di diversi incroci tra patrimoni genetici unici, ama Davidian, un ragazzo reso zoppo da una brutta caduta. La madre, Rebecca Artworth, si oppone con tutte le sue forze al loro amore e proibisce alla ragazza di vedere ancora Davidian. Rosemary si toglie la vita, tagliandosi le vene, dopo aver registrato un messaggio in cui la sua perfezione diventa il motivo dell'impossibilità del loro amore. Scoperto il corpo senza vita della figlia, la madre rimane infastidita dallo spreco che è stato fatto di un patrimonio genetico perfetto. Stephan è un bambino ipovedente di nove anni che ama trascorrere il suo tempo nelle zone più luminose del Parco, dove l'intensità delle cellule fotovoltaiche impedisce agli altri di arrivare. Viene costantemente vessato e picchiato da Maximilian, il figlio del Guardiano del Parco, che lo considera un mostro a causa del suo handicap. Padre Alexander è lo zio di Maximilian, ma nonostante questo non riesce ad aiutare il nipote ad aprirsi alla ricchezza della diversità. 

"Judy Bow" - nata con una tecnica sperimentale di fecondazione artificiale, Judy è affetta da insufficienza respiratoria a causa di un errore nella programmazione del suo Dna. In seguito di un incidente in cui avrebbe dovuto perdere la vita i suoi polmoni collassano ogni due mesi e vengono rigenerati di volta in volta, per impedirle di morire. Stanca di questa vita, Judy decide di fare causa ai suoi genitori affinchè vengano costretti a lasciarla morire. L'assiste l'avvocato Stert che nell'aula di tribunale porta tutto il dramma dell'esistenza di Judy. Nel frattempo, grazie alla vicinanza e all'aiuto della zia Adelina, Judy compie un percorso di conversione, giungendo a capire come la sofferenza sia parte della vita e possa essere vissuta diversamente in un'ottica di fede. Quando la giuria delibera in suo favore, lei si sottrae a una nuova rigenerazione polmonare, consapevole del fatto che il corso della sua vita da quel momento in poi sarà nelle mani di Dio. 

"Hic et Nunc" - il Capitano Gustav Constant è stato mandato in missione speciale dalla Commissione Militare. Il suo compito è quello di tornare indietro nel tempo, assistere alla crocifissione di Gesù Cristo e rispercorrere i primi anni del XXI secolo alla ricerca delle origini di quell'apostasia che aveva portato la sua gente alla deriva. Accompagnato da una vecchia Bibbia, Gustav compie viaggi lampo negli anni 2000 e si trova davanti a casi di gioventù bruciata dall'alcol e dalle droghe, agli scandali della Chiesa, all'aborto, all'indifferenza dei ricchi verso i poveri e gli emarginati, ai bambini abortiti trattati come rifiuti biologici, alle persecuzioni dei cristiani nel mondo, alla mercificazione dei corpi e al mercato del sesso, ai danni compiuti dalla mala informazione in rete.
You god, è una raccolta di quattro racconti che toccano diversi argomenti, dall’eutanasia a Dio, passando da un genere di fantascienza molto particolare.
Senza fare troppi spoiler, il primo racconto parla di un prete che torna dopo anni a casa e un suicidio metterà a dura prova la psiche della cittadinanza.
Il secondo argomento è molto duro. Parla di Judy Bow, una ragazza di diciotto anni, che per causa di uno sbaglio operatorio dopo un grave incidente, è costretta, anche se cosciente, a vivere attaccata a una macchina che le consente di respirare . Qui nasce un tormentato processo contro i genitori che non vogliono staccarle la spina.
Il terzo narra la vicenda di un soldato che riscopre l’amore in Dio e cerca di capire, viaggiando nel passato, il perché gli uomini si siano allontanati da dio.
Il quarto e ultimo, è un confronto tra due anziani e un robot che costruito dagli uomini per sostituire Dio.

Ottima narrazione, scritto bene, lettura fluida e semplice. In questi quattro racconti, prevale la fede e l’avvicinamento a Dio. Qui la fede vince su tutto, è una bellissima immagine e un bellissimo pensiero ma purtroppo non sempre è cosi. 
Si dibatte ancora la storica battaglie tra la scienza e la medicina con la fede, una sorta di lotta che dura da secoli che non avrà mai fine. Una specie di condanna a chi gira le spalle a Dio per qualcosa che non appartiene a lui. La visione dell’autrice è chiara e diretta l’uomo deve credere di più e avvicinarsi alla cristianità lavorando su se stesse e sul suo io. Ammetto che non è proprio il mio genere nonostante sia una credente non del tutto praticante.  Credo che chi non ha una visione della cristianità completa e non sia appartenente a questa nostra religione, troverà difficoltà a seguire questi racconti.
Consigliato a chi crede fortemente nella religione e nella fede.
 E MEZZO

Estrazione Giveaway "L'ultimo respiro per la redenzione" di Liliana Marchesi .

Buona Pasqua a tutti! Ecco l'estrazione del Giveaway   "L'ultimo respiro per la redenzione"  di Liliana Marchesi .
Ecco la presentazione del libro e il video.
L'ultimo respiro per la redenzione 
Liliana Marchesi
A Kathleen ed Evangeline è stato concesso un solo sguardo, prima che il destino le separasse nuovamente, ma quel brevissimo istante le ha cambiate nel profondo. L'una attraverso gli occhi dell'altra, disseppelliranno il passato. Evangeline, la Redentrice, cadrà nell'oblio dei ricordi dei quali era stata privata, e dove troverà l'amore di Mael a riscaldarle il cuore. Kathleen, tradita e ferita nell'animo da Seth, imparerà suo malgrado a lottare contro il proprio dolore, sacrificandosi per lui.  
I numeri
Emanuela Manu numero 1
Nicol Macchia numero 2
Francesca Bomparola num 3
Serena Vianello numero 4
Luna Libera numero 5
Anima Numero 6
Teresa Macchia numero 7
Chiara Kya Stivala numero 8
Germana Collivignarelli numero 9
LadyMoonligth numero 10
Silvia Kristen Castellano numero 11
Laura numero 12
Maria Bertolino numero 13
Marianna numero 14
Estratto 
Silvia Kristen Castellano numero 11
Importante: I Giveaway sono piccoli concorsi a premio indetti da privati o aziende che hanno solitamente l’intendo di promuovere la propria attività, il proprio Blog, o molto più semplicemente di fare un regalo ai lettori fissi del proprio sito web. Il nostro è un Giveaway libero, cioè non è un concorso a premi, quindi dichiariamo di non violiamo nessun regolamento, questa indetta da noi è un'iniziativa per un regalo ai lettori fissi del forum e del gruppo, non che della pagina dell'autrice


giovedì 17 aprile 2014

Recensione "Giù La Maschera" Autori Vari edito La Mela Avvelenata

Titolo Giù La Maschera 
Autori Vari (Autore), (a cura di) Anna Grieco e Fiorella Rigoni
Prezzo EUR 2,99
Sinossi
Dieci racconti scritti da dieci autrici italiane, ambientati nella Venezia del 1800 per raccontare l’amore tra i fasti del carnevale veneziano. Tra sete e maschere nasceranno appassionanti storie che faranno palpitare il cuore del lettore, catapultandolo in un’epoca ormai andata, ma magistralmente descritta nei testi proposti in quest’antologia.
Un’antologia affascinante, veloce, originale e piacevole. L’ho letta tutta in un fiato, scorrevole, romantica, avvincente, fantasy. 
Racconti tutti diversi con due cose sole che li accomunano; Venezia e il carnevale. Dieci racconti brevi, per altrettante autrici che ti accompagnano in una magica festa fatta di tante emozioni, fantasie, mistero e piacevoli generi che svariano a ogni storia. 
Ammetto ci sono stati racconti che mi sono piaciuti di più e alcuni di meno, ma in complesso li ho trovati tutti ben scritti e belli. 
Alcune autrici sono note e già le conoscevo, altre le ho scoperte piacevolmente e spero di leggere in altre antologie. 
Complimenti alla mela e a tutte le autrici ottimo lavoro.

Ultime uscite per NeroCafe

Ciao a tutti vi presentiamo le uscite di nerocafè. La collana Innesti dedicata al digitale ha visto la recente uscita di Vite in fumo di Luca Ducceschi e Enrica Aragona, De Motu Sanguinis di Paolo Di Pierdomenico, I burattini di Mastr'Aligi di Nicola Lombardi e Croatoan Sound di Danilo Arona.
VITE IN FUMO (L. DUCCESCHI - E. ARAGONA)
Il commissario Moretti, durante l’indagine su un omicidio, si imbatte in una serie di indizi che porta, inesorabilmente, a persone che fanno parte della sua vita privata. Ma non tutti i pezzi del mosaico sono disposti nel giusto ordine e quella che, a un certo punto, si presenta come una terribile consapevolezza, sarà solo preludio a una più amara e sconvolgente verità.
DE MOTU SANGUINIS (P. DI PIERDOMENICO)
Genova, 1528. La peste dilaga nella città. Ignazio, guardia cittadina di stanza alle carceri, viene coinvolto in un misterioso scambio di missive tra un medico italiano e un medico francese rinchiuso in prigione, che nasconde un terribile segreto.  Per salvare la moglie gravemente malata, Ignazio è disposto a tutto, ma le sue azioni lo porteranno a incontrare una creatura antica, assetata di sangue.
I BURATTINI DI MASTR'ALIGI (N. LOMBARDI)
Il piccolo Tobia ha atteso a lungo di assistere allo spettacolo del prodigioso Mastr’Aligi e dei suoi burattini. Quando gli viene offerta la possibilità di salire sul camper del burattinaio e toccare con mano quei favolosi personaggi, il bambino non ci pensa due volte, soprattutto perché a proporglielo è Katia, una ragazzina verso cui si sente attratto in maniera incomprensibile. L’ingresso in quel mondo sarà preludio a un incubo senza fine.

CROATOAN SOUND (D. ARONA)
Il ritrovamento, durante una spedizione archeologica nella misteriosa isola di Croatoan (vicina a quella di Roanoke), di una selvaggia bambina cresciuta tra i felini, innesca una serie di sanguinolente tragedie che coinvolgeranno i protagonisti di questa storia. Tra un passato fin troppo remoto che affiora nella azioni e un futuro inaspettato, Danilo Arona ci regala un altro dei suoi intrecci memorabili, con una ambientazione inedita e affascinante e un “sound” in sottofondo che fa venire i brividi.

lunedì 14 aprile 2014

Presentazione" Il Figlio Ribelle" di Cristina Zavettieri

Ciao a tutti oggi vi presentiamo un  nuovo romanzo, adult, storico di una nuova autrice Cristina Zavettieri e il suo Il Figlio Ribelle.
Titolo: Il Figlio Ribelle
Autore: Cristina Zavettieri
Editore: Self-Publishing, Amazon
Genere: Romance, Adult, Storico
Prezzo: 3,01 euro
Potete trovarla sul suo blog http://cristinakhristh.blogspot.it/ 
Trama: Nel Regno delle Due Sicilie di Ferdinando I di Borbone, si racconta di Federico Dalla Croce e della bella che rapì il suo cuore, Bianca Di Albano. Tra segreti, intrighi, guerre e balli in maschera, l’amore che voleva essere consumato e doveva essere ascoltato. Una storia avvolgente e sensuale tra un anticonformista e ribelle baronetto e una dolce quanto pericolosa donzella in una Napoli vivace e tumultuosa. 
Biografia autrice: Cristina è una giovane donna nata nell'estremo Sud della Calabria, è amante della scrittura e della lettura da sempre, ma anche del disegno e dell’arte, tant’è vero che sin da bambina, quando ancora non sapeva scrivere, accompagnava le sue storie ai disegni acerbi dei suoi personaggi. Sul mondo del web è conosciuta per aver scritto diversi anni all'interno della piattaforma di EFP (sito italiano di fanfiction e storie originali).
Nel dicembre del 2012 ha esordito con Il Figlio Ribelle (che spera diventerà il suo primo romanzo. E forse c'è riuscita!). Il Figlio Ribelle è la sua storia più conosciuta perché di anteriore pubblicazione, presentata con cadenza settimanale a capitoli come romance sul popolare sito di fanfiction. I generi che preferisce nel mondo della letteratura sono il paranormal, il distopico e il romance storico e contemporaneo. Ha un animo sensibile e sognatore che preferisce stimolare con una buona musica di sottofondo, immergendosi magari nella natura, nei boschi e nelle foreste che – sotto sotto – crede siano incantate.

Presentazione "Cacciatori di fantasmi" di Fabio Monteduro

Ciao a tutti e buon inizio settimana. Vi presentiamo un nuovissimo libro edito della Runa Editrice Cacciatori di fantasmi dell'autore Fabio Monteduro in uscita tra qualche giorno. Un Thriller che ti toglierà il fiato con la bellissima prefazione di Mirko Barbaglia Fondatore del Ghost Hunters Team.
Titolo: Cacciatori di fantasmi 
Autore: Fabio Monteduro 
Casa editrice: Runa Editrice 
ISBN: 978-88-97674-33-7 
Data di pubblicazione: 15/04/2014 
Genere: Thriller 
Formato: 14x21 con alette 
N.pag.: 434 
Rilegatura: Brossura 
Prezzo di copertina: € 17.00 
www.runaeditrice.it
www.facebook.com/runaeditrice
Sinossi Tutto ha inizio, da quel che ci è dato sapere, davanti al cancello di una grande villa di campagna, è lì che si consuma una morte assolutamente inaspettata quanto assurda. Da questo inspiegabile suicidio si diramano le angoscianti vicende del romanzo. Tra i protagonisti, Matteo, il cui sogno è di diventare un regista di film horror. Andrea, lasciato dalla moglie il giorno della nascita della loro bambina, tanto appassionato di sovrannaturale da possedere tutti gli strumenti per la rilevazione di entità spiritiche. Sarà l’incontro tra questi due personaggi che farà nascere l’idea di diventare cacciatori di fantasmi. E ancora, Emma, la sorella di Andrea, traumatizzata da certi avvenimenti accaduti loro da bambini durante una vacanza, sembra avere particolari poteri da medium. Alicia, una ragazza peruviana, laureata in psichiatria, pertanto refrattaria alle idee dei suoi “nuovi” amici. Su tutti si ergono tre inquietanti presenze: Erwin Kanvans, stimato psichiatra, autore di libri didattici che, improvvisamente, mette in discussione i fondamenti della psichiatria. Il S.Cataldo, un ex manicomio abbandonato da oltre trent’anni dopo una notte di terrore. Per finire, Fatima Gutiérrez, una levatrice chiamata, per ragioni misteriose, la Santa mammana. Gli improvvisati “cacciatori di fantasmi” si troveranno a lottare per le loro stesse vite, trovandosi, ben presto, faccia a faccia coi loro peggiori incubi. 
Quarta di copertina Cali improvvisi di temperatura, spostamenti di oggetti, ombre fugaci o vere e proprie apparizioni. Sono solo alcune delle segnalazioni che vengono associate ai più svariati luoghi: dagli antichi Castelli, alle vecchie Ville disabitate; dagli ex manicomi, ormai abbandonati, alle case moderne: nessun luogo è escluso e tutti potrebbero essere teatro di fenomeni inspiegabili. Ed è allora che il Cacciatore di Fantasmi prepara la sua attrezzatura e si avvia verso l’ignoto! Proprio quello che vivranno i protagonisti di questo romanzo, che non solo diverte e spaventa, ma riesce anche a lanciare uno sguardo preciso e veritiero sull’attività reale del moderno Ghost Hunter, così sapientemente descritto da Fabio Monteduro. Se quindi in futuro sentirete degli strani rumori in casa e vi accorgerete magari di un oggetto inaspettatamente spostato o di una luce che eravate convinti di aver spento e invece ritrovate accesa, fermatevi un momento a riflettere, magari si tratta solo di distrazione o forse, anche voi, avete bisogno dell’intervento dei “Cacciatori di Fantasmi”. 
Mirko Barbaglia Fondatore del Ghost Hunters Team
Prefazione Era circa l’una di notte e ci trovavamo all’interno di un Ospedale Psichiatrico ormai in disuso da molti anni, i muri ingialliti dal tempo e su alcuni ancora le scritte dei pazienti che riaffioravano come un triste ricordo di un passato fatto di pratiche inumane, di sofferenze e di solitudine; leggiamo una frase che ci colpisce molto e ci fa raggelare il sangue nelle vene: “...loro mi sorridono...”. Poche ore prima avevamo raccolto informazioni su que-sto luogo scoprendone la triste storia, peraltro comune a tutti gli istituti psichiatrici fino agli anni ‘70, in cui la maggior parte dei pazienti non aveva in realtà neanche problemi mentali ma era stata rinchiusa in manicomio solo perché ritenuta diversa dalla società dell’epoca, una semplice balbuzia ti faceva finire in manicomio, come anche la sfortuna di essere un senza tetto o, la più triste delle realtà, essere un orfano ti portava, nella maggior parte dei casi, dentro questi luoghi in cui si rimaneva fino alla morte. E proprio la morte, date le condizioni di vita a cui erano costrette queste persone, era forse addirittura sperata! Si perché le pratiche che venivano inflitte a questi pazienti in nome della psichiatria dell’epoca erano terrificanti, venivano legati al letto con catene di ferro, costretti alla camicia di forza e a espletare le funzioni fisiologiche dentro piccoli fori nel pavimento delle loro stanze/celle, venivano sottoposti a lobotomia (che consisteva nel recidere le connessioni della corteccia prefrontale dell’encefalo) e a elettroshock (che consisteva nel passaggio di una corrente elettrica attraverso il cervello). Emotivamente eravamo già molto provati scoprendo questa triste realtà ma volevamo andare avanti perché in questo luogo erano stati anche segnalati dei fenomeni inspiegabili, forse la presenza di fantasmi! Molte persone, assolutamente affidabili, sostenevano infatti di aver avvistato delle strane ombre aggirarsi tra i lunghi corridoi della struttura, di aver sentito dei passi e di aver visto chiudersi delle porte. Ed ecco quindi la decisione di indagare, con la nostra strumentazione tecnologica e con l’aiuto del nostro sensitivo, per cercare di scoprire se tutte queste segnalazioni erano solo frutto della suggestione personale oppure erano reali! Dopo aver letto queste inquietanti scritte, decidiamo di proseguire, nel buio più totale, percorrendo i lunghi corridoi del Manicomio. I misuratori di campi elettromagnetici inco-minciano a segnalare le prime anomalie ed ecco che, poco dopo, iniziamo a sentire anche i primi rumori che echeggia-no in tutti i locali: “sicuramente sono dei passi...” esclamia-mo! I rumori sono talmente forti e distinguibili da farci con-vincere che nella struttura non siamo soli; sicuramente qualche altra persona si è introdotta all’interno abusivamente e, vista la pericolosità strutturale del luogo dovuta a decine di anni di abbandono totale, dobbiamo assolutamente intercettarla e farla uscire. Inizia così la frenetica ricerca dell’intruso, ma, pian piano, ci rendiamo conto che i rumori arrivano da più parti contemporaneamente e a distanze troppo grandi da poter essere percorse in così poco tempo da una sola persona, e se fossero più persone le avremmo viste! Decidiamo di dividerci per coprire una zona più ampia convinti di scoprire le persone che causano tutti questi rumori ma dopo molti minuti di frenetica ricerca ci ritroviamo di nuovo tutti insieme senza aver incontrato nessuno sulla nostra strada. I rumori d’improvviso si arrestano completamente e tutto ripiomba nel silenzio più totale. Nella frenesia della ricerca ci ritroviamo in un altro corridoio con al centro una vecchia carrozzina giocattolo utilizzata anni prima da un piccolo “paziente” della struttura, probabilmente orfano, senza una ruota e ormai completamente segnata dal tempo. Prefazione di Mirko Barbaglia - Ghost Hunters Team Vedendo questo semplice oggetto, una tristezza indescri-vibile ci pervade completamente e crea nelle nostre menti delle immagini che descrivono perfettamente quel passato tormentato e non possiamo non chiederci se siamo stati portati in quel luogo, seguendo i rumori di passi, per un preciso motivo: forse qualche energia passata vuole che la sua storia non sia dimenticata e che quella sofferenza non venga più vissuta da nessuno? Non sappiamo dare una risposta a questa domanda, quello che è certo e che questa esperienza, come tante altre, ha rafforzato in noi la convinzione di andare sempre in fondo alle storie che ci raccontano senza pregiudizi, e siamo certi che, prima o poi, la risposta arriverà! Questa è la vita di un Ghost Hunter! Il termine Ghost Hunter a molti di voi non dirà nulla, se poi facciamo la traduzione letterale del termine: “Cacciatore di Fantasmi” penserete addirittura ad uno scherzo, ma non è così, i Ghost Hunters esistono realmente e indagano proprio su presunti fenomeni paranormali! Al contrario di quello che si può pensare, il Ghost Hunting ha un’origine molto antica; i primi “cacciatori di fantasmi” iniziarono a comparire già nel I° secolo D.C. Plinio il Giovane narra del filosofo Atenodoro alle prese con uno spettro che aveva creato grossi problemi in una villa di Atene. Luciano di Samosata, vissuto nel II° Secolo D.C. narra, nei suoi scritti, dell’esistenza di un “Circolo di Parapsicolo-gia” che studiava fenomeni inspiegabili e apparizioni spettrali. Porfirio, discepolo di Plotino, aveva già notato le incredibili interazioni che gli “spiriti” potevano avere con il mondo dei “vivi”. Anche in altre parti del Mondo, come in India, questi fe-nomeni (Virika, fantasmi nella lingua locale) erano studiati da gruppi formati da professionisti che venivano chiamati Shaycana. Nel 1323, in Europa, il frate benedettino Jean Goby indagò su una voce misteriosa che si udiva in un’abitazione di Alais nella Francia del Sud; con i suoi studi Goby scoprì che questa voce apparteneva al defunto Guy de Torno accusato, prima della sua scomparsa, di adulterio. Il primo vero pioniere Europeo di questa pratica fu l’inglese Harry Price nella seconda metà dell’ottocento. Con il passare degli anni e l’aumento della tecnologia, il “cacciatore di fantasmi” è divenuto, ad oggi, un vero e proprio ricercatore che con l’utilizzo di una strumentazione tecnologicamente avanzata indaga sull’interazione fisica di un fenomeno paranormale nell’ambiente circostante. Cali improvvisi di temperatura, spostamento di oggetti, ombre fugaci e vere e proprie apparizioni sono solo alcune delle segnalazioni che molto spesso vengono associate ai più svariati luoghi: dagli antichi Castelli, alle Ville disabitate, agli ex sanatori, fino ad arrivare alle abitazioni private e moderne, nessun luogo è escluso e potrebbe essere teatro di un fenomeno inspiegabile. Ecco che allora il Cacciatore di Fantasmi prepara tutta la sua attrezzatura tecnologica e si avvia verso l’ignoto! Si, perché in realtà in queste indagini non si può mai sapere cosa aspettarsi, si può riuscire a dare una spiegazione razionale a tutte le segnalazioni, oppure ci si può trovare realmente di fronte a qualcosa di assolutamente inspiegabile! E quest’ultima situazione è proprio quella che vivranno i protagonisti di questo romanzo che non solo diverte e spa-venta (a tal proposito consigliamo la lettura in orario serale!) ma riesce anche a dare uno sguardo preciso e veritiero sull’attività reale del moderno Ghost Hunter, sapientemente descritta dall’amico Fabio Monteduro. Se quindi in futuro sentirete degli strani rumori in casa vostra, vi accorgerete magari di un oggetto stranamente spostato o di una luce che eravate convinti di aver lasciato spenta e invece ritrovate accesa, fermatevi un momento a riflettere bene, magari si tratta solo di distrazione o forse, anche voi, avete bisogno dell’intervento di un Ghost Hunter

Presentazione Anteprima "Profumo di Zagara" di Sara Purpura

Ciao a tutti oggi vi presentiamo in anteprima Profumo di Zagara di Sara Purpura edito Genesis Publishing in uscita il 5 maggio.
Profumo di Zagara
Sara Purpura
COLLANA: Romance [IN USCITA IL 5 MAGGIO 2014!]
GENERE:  Contemporaneo
PREZZO: € 3,90
PAGINE: 230
ANNO: 2014
ISBN: 978-88-98769-21-6
Lontana dalla terra che tanto ama ma che l'ha ripudiata, Sofia si sente spoglia della sua identità. Torna in Sicilia dopo quattro lunghi anni, trascorsi in una lenta agonia, che l'ha lasciata arida e incredula di fronte ai sentimenti. Il suo passato la lega a paure inestricabili e, rivivere quell'abuso che l'ha così profondamente cambiata, la mette alla prova un'altra volta. Quello che sente dentro di sé, tuttavia, è un grande coraggio di riaffrontare la sua vita, là dove l'ha lasciata. «È come mettere il rewind» si dice con noncuranza, sull'aereo che la riporta a casa. «O, nel peggiore dei casi, ripartire da lì.» Dai posti che le sono tanto familiari. Dai suoi genitori, che l'hanno mandata via. Da suo fratello, piccolo allora, ma divenuto uomo in fretta, che serra ancora i pugni per l'ingiustizia subita. Dai suoi amici, che l'hanno dimenticata in fretta e da lui, Marco. L'amore segreto di una vita, che c'è stato pur non capendolo ancora, nel peggiore momento della sua esistenza. L'amore può e loro ne saranno la conferma. Insieme, ripercorreranno ogni tappa difficile, spazzando via i ricordi. Con l'orgoglio di una donna ferita nel profondo, Sofia aggredirà l'omertà e i pregiudizi che l'hanno legata con le loro catene. In una Palermo che l'accoglierà come la figlia che ha perduto, tutto scorre. Giorni lenti, baciati dall'aria della sua terra, che si rincorrono affannati, in attesa di pace. Ma il destino beffardo, non ha ancora finito di giocare le sue carte e rischierà di allontanarla per sempre, dall'unico uomo che abbia saputo scuotere e ribaltare i suoi fragili equilibri. Questa è la storia di un amore celato, svelato e poi vissuto. Di una passione fiorita dal nulla, di un sentimento che urla, implorando di essere ascoltato. Io sono Sofia e questa è la mia storia.

SARA PURPURA
Nasce a Palermo. Malgrado si definisca “cittadina del mondo” non riuscirebbe a vivere altrove. Consegue il diploma magistrale e coltiva da sempre la passione per la scrittura, ma il destino vuole che lei compia una scelta che la porta a riporre le idee nel cassetto, per un po'. In questo frattempo non smette di scrivere, perché scrivere è il modo in cui si sente libera. Decide di farsi conoscere, tramite i social network e, in fine, trova la sua strada, pubblicando per la Genesis Publishing. Sposata e madre di due figli che adora, Sara ama leggere qualsiasi cosa, anche le etichette degli shampoo al supermercato. Se volete farla felice, regalatele un libro. Se volete vederla arrabbiata, ditele che leggere non serve a nulla. “Chi legge vive storie, che non potrebbe vivere in una vita sola” è il suo motto. Scrive storie che le piacerebbe leggere e si emoziona mentre lo fa, sperando di riversare nei suoi racconti, parte della trepidazione che prova portandole alla luce. Ama i romance, i grandi romanzi d'autore e gli storici. Scrive, legge e ama. La sua vita si ciba di questo.

sabato 12 aprile 2014

Recensione "Il Palazzo d'Inverno" di Francesca Rossi

Il Palazzo d'Inverno 
Francesca Rossi
Prezzo Kindle: EUR 2,05
Casa editrice La mela Avvelenata
Sinossi Pietrogrado 1917. L’incendio rivoluzionario che sta per sconvolgere la Russia è ormai divampato nelle città principali e l’antica residenza degli zar, ormai sede del governo provvisorio, ma anche memoria di un passato non ancora tramontato, rappresenta l’ultimo baluardo da conquistare per accedere a un futuro fatto di incognite tutte da risolvere. Il 25 ottobre (calendario giuliano), data fatidica dell’assedio al Palazzo d’Inverno, si intrecciano i destini della Storia, ma anche quelli di un uomo e una donna che non avrebbero dovuto incontrarsi. Elena, infelice nobildonna tradita da tutti gli uomini che ha amato e Dimitri, un bolscevico fiero degli ideali su cui ha costruito la sua intera esistenza, lei acqua che scivola sulle rocce della tradizione aristocratica, lui fuoco che arde fiero per distruggere un’epoca di disuguaglianze e privilegi. Le loro due anime così diverse si scontrano nei giorni dell’odio e della rivolta, su sponde opposte, per caso, tra i marmi e gli arazzi di una villa saccheggiata. Tra loro solo un desolante abisso fatto di differenze sociali e culturali in apparenza incolmabili. A farli incontrare sono due simboli del passato, un uovo Fabergé e un carteggio che non deve finire nelle mani sbagliate. A tenerli uniti, loro malgrado, un sentimento che non può e non deve nascere, negato, soffocato dal dovere e dagli ideali e destinato a non vedere l’alba del cambiamento. Elena e Dimitri sono gli emblemi di due mondi inconciliabili, le due facce della rivoluzione, ma anche la personificazione di una Russia immensa, non sempre decifrabile in cui bene e male si confondono ai piedi della Storia, madre degli uomini che con una mano accarezza il passato, con l’altra afferra il futuro.

Il Palazzo d'inverno è un romanzo, affascinante e intenso.
San Pietroburgo è in piena rivoluzione russa. La guerra avvolge le strade, il sangue scorre nelle vie e nelle case invase dalla violenza e dall'odio. 
Spicca in questo libro, una bellissima storia d'amore tra due personaggi forti e determinati. 
Elena è una nobildonna cacciata dal Palazzo d'inverno dai bolscevichi, il popolo che si ribella allo Zar.  Dimitri è un giovane bolscevico che un giorno entrando nel palazzo, trova delle bellissime lettere d'amore scritte da Elena al suo amante. 
Il giovane colpito dalla vita della donna, inizia a provare dei forti sentimenti verso di lei pur non conoscendola. Dopo diverso tempo, Elena rientra nel suo castello segretamente e incontrerà per caso proprio Dimitri e da li nascerà un'amore a prima vista fatto di passione e segreti. 

Un romanzo che si sviluppa tra il passato e il presente. Una storia cruda, spietata con un risvolto romantico piena di suspance e di forte impatto. 
Avvincente fino alla fine, un buon libro con una trama e i personaggi ottimi. Storia originale e coinvolgente. Il fatto che tutto, o quasi,  è incastrato in una semplice lettera e in segreti nascosti, passionali, da un pizzico di mistero a questa bellissima storia che ti tiene incollata allo schermo con palpitazione. Ho già letto diverse opere dell'autrice e ogni volta mi sorprende con la sua capacità  di trasmettere emozioni. 
Stile ottimo, efficace e fantasioso. Storia mai banale che riesce a toccare le emozioni più diverse e a tenere la tensione sempre alta. Un romanzo che non si dimentica e che ti fa riflettere sugli aspetti più veri e profondi della nostra coscienza. 
Consigliatissimo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...